incontro governo sindacatiPolitica interna
 
Lavoro – Ha il sapore di una rottura totale quella consumatasi ieri tra Renzi e i sindacati. L’incontro tra l’esecutivo (rappresentato da Delrio, Poletti, Madia e Padoan) e le parti sociali è stato gelido, la Camusso ha definito surreale il fatto che i ministri non avessero il mandato a trattare. In serata Renzi, ospite in una trasmissione televisiva , ha rincarato la dose chiudendo la porta a ogni trattativa con i sindacati. A questo punto sembra inevitabile lo sciopero generale annunciato dalla Cgil.
 
Stato-mafia – Oggi è il giorno della deposizione di Napolitano. I giudici di Palermo in trasferta al Quirinale raccoglieranno le risposte del Presidente a venti quesiti, tra i quali il presidente della Corte deciderà quali sono ammissibili e quali no.
 
Partiti – Renzi alle prese con le ricorrenti voci di scissione della minoranza di sinistra del partito, nonostante le ripetute smentite dei leader della corrente, da Bersani a Cuperlo. Alle amministrative di Reggio Calabria vittoria al primo turno per il candidato Pd Giuseppe Falcomatà. Pesante ridimensionamento del M5S che scende dal 28,5% all’1,86%.
 
 
Politica estera
 
Ucraina – Nelle elezioni per il parlamento i partiti rivali di Poroshenko e Jatsenjuk si fermano entrambi sotto il 22%. Dovranno cercare alleanze per formare un governo di coalizione che raccolga in un’alleanza i partiti filo-europeisti.
 
Tunisia – Svolta nelle elezioni parlamentari, vinte a sorpresa dai nazionalisti laici (38,3%) sui Fratelli Musulmani (32,3%) che accettano la sconfitta che tendono la mano ai rivali per un governo di unità nazionale
 
Brasile – Ha vinto per pochi voti e ora Dilma Roussef dovrà riconquistare la classe media e gli industriali. Infrastrutture, crescita e welfare la ricetta proposta per il suo paese
 
Ebola – Undici soldati Usa appena tornati dalla Liberia sono stati posti in quarantena nella base militare americana di Vicenza. Le autorità assicurano che si tratta solo di una precauzione e che ci sono probabilità zero di infezione.
 
Isis – Con un’abile mossa propagandistica, l’ostaggio britannico Cantlie appare in un nuovo video, questa volta costretto a vestire i panni del reporter ingaggiato dallo Stato Islamico per denunciare “le bugie occidentali”
 
Israele – Si riaccende la sfida tra Netanyahu e Abu Mazen: il premier israeliano rivendica il diritto di costruire mille nuovi appartamenti a Gerusalemme est
 
 
Economia e Finanza
 
Legge di Stabilità – Reso noto il testo della lettera di Padoan in risposta ai rilievi della Ue. Confermata la correzione di 4,5 miliardi del deficit, 3,3 dei quali saranno sottratti alla riduzione della pressione fiscale. Per il ministro è fondamentale evitare il quarto anno consecutivo di recessione.
 
Banche –L’esito degli stress test sulle banche ha affondato le Borse, con Piazza Affari maglia nera in Europa (-2,4%). Giornata durissima per Mps (-21,5%) e Carige (-17,2%),  è intervenuta la Consob che ha vietato le vendite allo scoperto. Le banche ora si leccano le ferite in attesa delle aggregazioni che ormai il mercato ritiene indispensabili. Ovviamente i maggiori indiziati in questo senso sono Intesa, Unicredit e, un po’ a sorpresa, Ubi.
 
Meridiana – Fumata nera dopo l’ultimo vertice al ministero. La compagnia aerea conferma i tagli: pronte 1634 lettere per la messa in mobilità dei dipendenti, dopo due anni scatterà il licenziamento
 
Internet – Protesta in piazza a Budapest dopo che il governo, primo al mondo, ha deciso di introdurre una tassa su internet (49 cent a gigabyte). Anche la Ue critica l’iniziativa.