Le notizie del giorno in pillole. L’accusa di Renzi: c’è un piano per spaccare il Paese – P3, rinvio a giudizio per Cosentino e Verdini –

Renzi a Brescia
Politica interna
 
Lavoro – Ieri Renzi in visita a una fabbrica a Brescia, ci sono stati nuovi tafferugli dei centri sociali con le forze dell’ordine. Il premier accusa: è in atto un disegno per spaccare il Paese, il sindacato sfrutta il dolore dei disoccupati. Replica la Cgil, secondo cui Renzi evoca complotti inesistenti. Squinzi approva invece l’azione del governo che serve a togliere il freno al Paese. Poletti ribadisce: “Questi scioperi sono politici. Il Jobs Act per me non cambia”. E proprio sul Jobs Act Renzi vuole garanzie di tempi certi in Parlamento, altrimenti non patteggerà con la sinistra alcuna modifica del testo
Si riaccende poi la polemica per quanto accaduto la scorsa settimana durante la protesta degli operai della ThyssenKrupp a Roma, un video sembra smentire la versione ufficiale fornita dalle forze dell’ordine. I vertici della Polizia hanno varato nuove regole di ingaggio per gli agenti per evitare il più possibile il contatto fisico con i manifestanti
 
Corte Costituzionale – Dopo che Forza Italia l’aveva silurata per le critiche che in passato aveva rivolto a Berlusconi, ieri anche la candidata Sandulli ha rinunciato.
 
Legge Severino – Per il presidente della Consulta, Tesauro, invece di attendere la sentenza della Corte Costituzionale sul caso De Magistris, sarebbe opportuno un intervento del Parlamento. Intanto sale il pressing di Forza Italia per restituire l’agibilità politica anche a Berlusconi, usando come arma di ricatto l’approvazione dell’Italiacum
 
Caso Cucchi – Il procuratore capo di Roma, Pignatone, ha incontrato i familiari di Stefano Cucchi e pur dichiarandosi pronto a riesaminare gli atti del procedimento ha ribadito la fiducia nei propri pm.
 
P3 – Rinvio a giudizio per il senatore di Forza Italia Denis Verdini e per Nicola Cosentino, coinvolti nella vicenda P3, un’associazione segreta che puntava a condizionare organi dello Stato.
 
Politica estera
 
Midterm Usa – Oggi il voto di metà mandato che rinnova la Camera e un terzo del Senato. I sondaggi danno la vittoria ai repubblicani, in tal caso Obama ha preparato la controffensiva: è pronto a governare a colpi di decreto per il resto della legislatura
 
Mogherini – Il nuovo capo della diplomazia Ue intende iniziare il suo mandato da Gaza e Tel Aviv, dove si recherà venerdì prossimo per tentare di ricostruire un inizio di dialogo
 
 
Economia e Finanza
 
Manovra – Nel corso di un’audizione in Parlamento sulla legge di Stabilità, il vicedirettore generale di Bankitalia, Signorini, mette in guardia sul Tfr in pusta paga, che potrebbe comportare in futuro pensioni non adeguate per i lavoratori a più basso reddito.
Oggi i sindaci saranno a Roma per incontrare Renzi e chiedergli di ridurre i tagli ai Comuni.
 
Banche – Da oggi parte la vigilanza della Bce sulle grandi banche europee, tra cui 13 istituti italiani. Le indiscrezioni sull’interesse di Investindustrial, il fondo di Andrea Bonomi, nei confronti di Banca Carige hanno fatto bene al titolo che ieri ha chiuso al rialzo dopo il calo dovuto alla bocciatura negli stress test. Anche il titolo Mps ha ripreso quota, l’istituto è al lavoro sull’aumento di capitale da 2,1 miliardi e domani il cda esaminerà i dettagli dell’operazione e del piano da presentare alla Bce. Intesa Sanpaolo si avvia ad avere tra il 2 e il 3% del capitale in mano ai propri dipendenti: infatti l’80% degli impiegati del gruppo ha aderito al piano di investimento proposto dalla loro banca.
 
Mercato auto – A ottobre si registra uno scatto del 9,2% delle vendite di vetture, che conferma una certa ripresa dopo il +3,2% di settembre. Ma Fca perde quote di mercato.
 
Go to TOP