Non solo riccia o frolla, a Napoli c’è anche la sfogliatella “fritta”

Non solo riccia o frolla, a Napoli c’è anche la sfogliatella “fritta”

Dopo la riccia e la frolla nasce a Napoli una nuova sfogliatella, in una versione golosissima e mai immaginata prima: La Fritta. La ricetta esclusiva è di Cuori di Sfogliatella, il brand che ha fatto del dolce tradizionale partenopeo la propria bandiera. La Fritta, da mangiare calda, preserva il gusto e tutti gli ingredienti della sfogliatella napoletana: ricotta, scorzette d’arancia candita, semola e vaniglia racchiuse in uno scrigno di pasta a cui la frittura conferisce un twist di croccantezza. Servita calda, con una spolverata di zucchero a velo, al palato è gustosa e fragrante.

Frutto dell’instancabile ricerca di Antonio Ferrieri che da trent’anni innova proprio il più classico dei dolci napoletani, la Fritta è innovazione nel metodo di lavorazione e nella cottura.

“Inutile girarci intorno: tutto è più buono se è fritto – sostiene Antonio Ferrieri, fondatore di Cuori di Sfogliatella – ma la messa a punto di questa sfogliatella apparentemente semplice è stata tutt’altro che breve. Al pari di uno chef di alta cucina chiamato a confrontarsi con i piatti più semplici, i nostri pasticcieri hanno lavorato a lungo per perfezionare la ricetta tradizionale e adattarla alla frittura. Da trent’anni rielaboriamo la ricetta della sfogliatella in almeno trenta gusti e molteplici varianti, e siamo i primi a proporla fritta”.

Share this post