Napoli: al via lo Strit Food Festival

street-food-napoli-695x347di NADIA PEDICINO

Da domani venerdì 22 a domenica 24 maggio il lungomare Caracciolo diventa la culla dello street food. Per l’intero week end,  apecar, roulotte e truck sforneranno pietanze in occasione della prima edizione del “Napoli Strit Food Festival” che vanta sponsor prestigiosi come Ferrarelle, Pepsi Italia, Chinotto Neri Official.

La connotazione partenopea traspare sin dal naming “strit” che mette in evidenza, dicono  gli organizzatori, ”l’anima dell’evento che nasce e vuole crescere nel cuore della città”. “Napoli deve riprendersi il suo ruolo centrale nello street foodsi sottolinea in una notaqualcosa che affonda le radici nella tradizione partenopea con la pizza a portafoglio, paste cresciute ma anche sfogliatelle e babà. Il festival sarà anche un modo per lanciare un messaggio, ovvero quello di ripudiare il junk food e recuperare l’immenso patrimonio culinario della nostra terra, qualcosa che affonda le radici circa tre secoli fa. Perché il cibo è amore, ingegno, cultura, aggregazione ma allo stesso tempo è motore dell’economia“.

Saranno circa 20 i partecipanti provenienti da Campania, Lazio e Puglia. Non mancheranno le pizze ‘a portafoglio’, le pucce salentine, le mozzarelle di bufala, così come il caffè e la pasticceria napoletana. Gli amanti del cibo saranno intrattenuti da animazione tutta la giornata, uno spazio dedicato ai bambini e altre iniziative.

Napoli Strit Food Festival chiuderà i battenti domenica 24 maggio, dopo aver messo in mostra anche le “Mobile Food Machines”, sei prototipi di attrezzature ibride a configurazione variabile per il consumo del cibo di strada, lavoro di circa 150 studenti del Dipartimento di Architettura dell’Università di Napoli Federico II.

Go to TOP