Migranti, nuova spaccatura nel governo

Migranti, nuova spaccatura nel governo

Nuova spaccatura nel governo sul caso dei migranti trasportati dalle due navi la Sea Watch3 e la Sea Eye ferme al largo di Malta da 18 giorni; “Quanti migranti accogliamo? Zero, abbiamo già dato”, dice Matteo Salvini; aperturista invece Di Maio: “Per dare uno schiaffo morale all’Europa che sta ancora in settimana bianca, possiamo prenderci dieci tra donne e bambini”. Ma da Palazzo Chigi filtra ottimismo sul raggiungimento di una soluzione sul caso dei migranti della Sea Watch: “Noi ne prenderemo 15 su 49, e prenderemo anche i mariti perché non siamo gente che smembra le famiglie: daremo un segnale all’Europa, ma dopo che tutti avranno rispettato le regole”, fanno sapere dal governo. “La linea di Salvini e del governo è salva, i nostri porti restano e resteranno chiusi, quindi ogni accordo è possibile un attimo dopo che Malta avrà fatto sbarcare sul proprio territorio i clandestini che si trovano sulle due navi”, continuano da Palazzo Chigi. Intanto Salvini apre il fronte di scontro con la Chiesa: “Finché sarò ministro i porti saranno chiusi”, dice, dopo che persino Papa Francesco si era speso per gli immigrati a bordo delle navi Sea Watch e Sea Eye. “Possono fare gli appelli che vogliono, Fabio Fazio, il vescovo, il cantante, il calciatore, ma io rispondo a 60 milioni di italiani che hanno diritto a un Paese in cui si entra se si ha il diritto”, ha spiegato in una delle sue dirette Facebook.

Share this post