Mastella e quel piatto di pasta

mastella

Da indiscrezioni, la Corte di Cassazione, chiamata ad esprimersi sulla vicenda giudiziaria Why Not che coinvolge il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, all’epoca dei fatti pm dell’inchiesta, e Clemente Mastella, sarebbe intenzionata a condannare il primo cittadino di Napoli a un risarcimento di 20.000 euro nei confronti dell’ex ministro. Così lo stesso De Magistris si sfoga: “Non mi hanno mai perdonato di aver avuto il coraggio, da magistrato, di contrastare il sistema, il cancro tra corruzione, mafia e massonerie deviate che influenzano il nostro Paese fino al punto di arrivare al pignoramento di un quinto dello stipendio da sindaco”. Il pignoramento è relativo alla condanna in primo grado per l’inchiesta ‘Why not’ e al risarcimento riconosciuto alla parte lesa. E ancora: ”Il sistema  reagisce contro di me con tritolo istituzionale ed ha l’obiettivo mirato di distruggere professionalmente, istituzionalmente, moralmente e dal punto di vista esistenziale chi ha osato contrastare la casta politica e quella casta che è dentro le Istituzioni”. Insomma De Magistris sembra intenzionato a dare battaglia sull’ultima tegola, dopo la sentenza della Cassazione che ha stabilito che gli amministratosi pubblici debbono rivolgersi aal tribunale ordinario e non al Tar, che sta per cadergli in testa.

Ma dalle pagine de il Mattino a rispondergli è un ironico Mastella, quel rinvio a giudizio provocò le sue dimissioni è la conseguente caduta del Governo Prodi’.Ebbene Mastella risponde: “Oggi mi paga 20.000 euro: non li ho chiesti io: lo ha stabilito il Tribunale di Roma e ne prendo atto. Se ha problemi posso invitarlo a casa mia a Ceppaloni. Un piatto caldo alla settimana glielo offro io. Ripeto: lo dico da cristiano”.

Classe 1972, giornalista pubblicista del 1994, ha collaborato con agenzie di stampa, carta stampata, radio e tv private [ View all posts ]

Go to TOP