Manca l’amuchina? Il disinfettante si fa direttamente in classe

Le scuole sono una delle infrastrutture importanti del paese, una delle sue ricchezze e si vanno progressivamente aprendo alla collaborazione con il territorio.

In questo modo evolvono sempre più nella direzione di beni comuni, beni che consentono lo svolgersi della vita sociale, che promuovono anche la soluzione di problemi collettivi e che sono accessibili a tutti.

È il caso dell’IPS “F.S. Cabrini” di Taranto e dei suoi Laboratori di Chimica, Grafica e Audiovisivo che si sono fatti carico della necessità comunitaria di trovare prodotti disinfettanti per le mani sempre più irreperibili in commercio per ostacolare la diffusione del Coronavirus COVID-19.

Tutti siamo a cercare liquidi per le mani, per disinfettarci, di borsa nera, di contrabbando, facendoli venire dalla Corea…” riferiva ieri il conduttore Giancarlo Magalli in Tv a “I Fatti Vostri”, dialogando con il prof. Walter Ricciardi, membro dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) consigliere del Ministro della Salute, Roberto Speranza. L’esperto confermava che la misura del lavaggio delle mani è la misura più utile in assoluto perché più che le goccioline di saliva che espelliamo parlando o starnutendo, molto spesso sono le mani che diffondono il virus, perché può succedere che si tossisce, ma poi sono le mani che lo diffondono, toccando ora questo, ora quello.

Il lavaggio delle mani fatto di frequente è la misura più importante in assoluto contro tutti i tipi di infezioni.

oznor

E quindi la bella notizia. Nella Circolare Scolastica Coronavirus del Cabrini, in data 2 marzo, si legge: “Si comunica che i docenti del settore chimico realizzeranno, in giornata, un prodotto disinfettante per la sanificazione delle mani che sarà distribuito in ogni ambiente frequentato da studenti, docenti e personale ATA” Il Dirigente Scolastico F.to Dott.ssa Angela Maria Santarcangelo.

E così prima della sospensione delle lezioni del 5 marzo alcuni studenti si sono messi all’opera coadiuvati dai loro insegnanti di indirizzo ed hanno realizzato il prodotto. La soluzione è stata realizzata nel Laboratorio dell’indirizzo Chimico, l’etichetta in quello dell’indirizzo Grafico e il video tutorial in quello dell’indirizzo Audiovisivo.

Contenitore a parte, tutto il resto è Made in Cabrini. La ricetta realizzata è rigorosamente quella dell’OMS. Alcol etilico, glicerina e acqua ossigenata, diluite con acqua distillata, questa la ricetta per preparare un disinfettante per le mani “fai da te”contenuta in un documento pubblicato sul sito dell’OMS.

Sono disponibili al momento 10 litri di soluzione disinfettante in 158 bottigliette, le intenzioni del dirigente scolastico, sono quelle intanto di offrirne una per ogni classe, metterla in tutti gli ambienti dell’istituto frequentati dagli studenti, docenti e ATA (quindi segreteria, laboratori, uffici e così via) e poi la sua idea è quella di distribuirlo anche agli altri Istituti scolastici, qualora ci fossero dosi sufficienti disponibili, tenendo presente che la scuola non ha le potenzialità di un’industria.

Il video tutorial lo trovate al seguente link : https://youtu.be/V1eyiniw3TU

Vito Piepoli

Go to TOP