Le statistiche sul Covid. E le altre…

Nel corso dei 90 giorni in cui il virus ha infettato la popolazione in Cina e, progressivamente, nel resto del mondo, il numero di morti conseguenti è stato di oltre 8.000.   Nello stesso periodo, l’Unità statistica FedEE stima che:   Il numero di decessi globali per tutte le cause è stato di 13,68 milioni;   Il numero di morti infantili da solo per malnutrizione è stato di 775.000;   Il numero di morti per incidenti automobilistici è stato di 315.000;   Il numero di decessi per influenza è stato di 125.000;   Il numero di omicidi sarebbe stato 110.000;   Il numero di decessi per avvelenamento involontario negli Stati Uniti da solo è stato di 16.200;   Il numero di morti per morsi di serpenti nella sola India è stato di 2.750.

Se le stesse risorse dedicate a COVID-19 fossero dirette alla malnutrizione infantile, il numero di vite salvate sarebbe facilmente pari a oltre 500.000. Ciò esclude qualsiasi indennità per $ miliardi persi dalla produzione e dai valori di condivisione perché i governi incompetenti hanno preso provvedimenti troppo tardi e in modo troppo inetto. L’assistenza alla Cina all’inizio di gennaio 2020 avrebbe indubbiamente limitato gravemente la diffusione globale del virus.   Secondo Robin Chater, segretario generale della Federazione dei datori di lavoro internazionali (FedEE) “Qui c’è un enorme dilemma morale che nessuno sembra abbastanza forte, o abbastanza altruista, da affrontare. È responsabilità di tutti gli avanzati e economie in via di sviluppo che i bambini muoiono di fame in gran numero mentre tutti al di fuori del terzo mondo si preoccupano per COVID-19. I bambini non contano perché non vengono dalla nostra strada, o perché sono principalmente neri? Che prezzo della civiltà? “

Go to TOP