Le notizie del giorno. Sedici ministri per il governo Renzi. Strage di Brescia, annullate le assoluzioni. Spiragli di pace in Ucraina

Le notizie del giorno. Sedici ministri per il governo Renzi. Strage di Brescia, annullate le assoluzioni. Spiragli di pace in Ucraina
ministri governo Renzi
Politica interna
 
Governo – Il segretario del Pd Matteo Renzi ha sciolto la riserva con cui aveva accettato l’incarico di formare il nuovo governo e, dopo un incontro di quasi tre ore con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha presentato la nuova squadra dell’esecutivo. I ministri sono 16, otto dei quali donne, e hanno un’età media di 47 anni. Renzi ha dichiarato: “Mi gioco la faccia, che è più importante della carriera. Rischiamo tutto, ma lo facciamo con sano entusiasmo e con baldanza”. Anche Napolitano ha assicurato: “L’impronta di Renzi risulta evidente in molti nomi nuovi chiamati per la prima volta a ricoprire l’incarico di ministri”.
 
Brescia – La Corte di Cassazione ha aperto un nuovo capitolo processuale su piazza della Loggia. Infatti con l’ultima sentenza sulla strage di Brescia, avvenuta il 28 maggio 1974 in cui morirono otto persone, la Suprema corte ha assolto definitivamente Delfo Zorzi, ma ha annullato le assoluzioni in secondo grado di Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte, disponendo un nuovo dibattimento davanti alla Corte d’assise d’appello.
 
Politica estera
 
Ucraina – Dopo settimane di violenti scontri, anche grazie alla mediazione dell’Unione europea, l’opposizione ucraina ha siglato un’intesa con il presidente Viktor Yanukovich per disinnescare la grave crisi. Quindi Yanukovich ha promesso elezioni presidenziali da tenere entro l’anno. Inoltre il Parlamento di Kiev ha votato una legge che può portare alla liberazione di Yulia Tymoshenko.
 
Dalai Lama – Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, nonostante le rimostranze della Cina, ha incontrato il Dalai Lama, definito “un leader culturale e religioso rispettato a livello internazionale”. La portavoce del ministro degli Esteri di Pechino ha protestato: “è una grossa interferenza negli affari interni della Cina, una violazione delle norme internazionali”.
 
Economia e Finanza
 
Padoan – Il nuovo ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan spiega in un’intervista al Sole 24 Ore come l’uscita dalla disoccupazione e il rilancio della competitività siano le due priorità per l’Italia. Di qui l’esigenza di agire con decisione sul versante del costo del lavoro, che va alleggerito mediante aggiustamenti salariali e tagli del cuneo fiscale, da compensare con cambiamenti della composizione delle imposte in direzione della tassazione sui consumi.
 
Inflazione – Secondo i dati diffusi dall’Istat, nel mese di gennaio l’inflazione è restata stabile su base annua allo 0,7%, un terzo rispetto al 2013. Comunque l’Istat ha rilevato che c’è stato un leggero rialzo dello 0,2% rispetto al mese di dicembre. A tenere basso il costo della vita la continua riduzione dei prezzi dei beni energetici non regolamentati e degli alimentari freschi.

Share this post