LE NOTIZIE DEL GIORNO. Scuola, governo battuto sulla riforma della scuola – Mafia Capitale, truccata la gara per l’aula del Comune

Politica interna
 
Scuola – Il governo è stato battuto sulla riforma della scuola in commissione Affari costituzionali al Senato. Infatti con 10 voti contrari e 10 voti a favore non è passato il parere di costituzionalità e la parità al Senato equivale al parere negativo. Sono stati determinanti l’assenza di tre parlamentari del Ncd e il voto contrario di Mario Mauro, esponente di Gal che nei giorni scorsi è uscito dalla maggioranza. Ma il capogruppo del Pd Luigi Zanda lo ha definito “un incidente tecnico che non cambia il percorso di riforma della scuola”.
 
Mafia Capitale – Il Campidoglio è ancora nel pieno della bufera giudiziaria. Secondo la procura di Roma, le turbative delle gare d’appalto sarebbero arrivate anche alla Sovrintendenza comunale, al punto che la commessa per il restauro dell’aula Giulio Cesare del Comune di Roma sarebbe stata manipolata. Quindi la procura capitolina ha ottenuto l’arresto di sei persone, tra cui l’imprenditore Fabrizio Amore, già coinvolto dal secondo troncone d’indagine di Mafia Capitale. Intanto si è dimesso il capogruppo del Pd alla Regione Lazio Marco Vincenzi, i cui incontri con Salvatore Buzzi sono documentati negli atti dell’indagine.
 
Politica estera
 
Immigrazione – I tempi per il via libera al piano sull’immigrazione della Commissione europea, che prevede di ricollocare all’interno dell’Ue 40 mila richiedenti asilo di origine siriana ed eritrea in due anni, rischiano di allungarsi. Infatti le divisioni emerse nelle scorse settimane sul meccanismo di ripartizione obbligatoria tra i vari Stati membri non sono state ancora superate e l’approvazione della proposta potrebbe slittare a settembre. Intanto il governatore della Lombardia Roberto Maroni ha scritto una lettera ai prefetti per invitarli a bloccare l’ospitalità nei confronti dei profughi sul territorio regionale.
 
Russia – Dopo il G7 di Elmau, in Germania, dove i leader delle prime sette economie mondiali hanno fatto capire di essere pronti anche a rafforzare le sanzioni nei confronti della Russia, oggi il presidente russo Vladimir Putin arriverà a Milano per la Giornata nazionale della Russia all’Expo, accompagnato dal presidente del Consiglio Matteo Renzi. La visita di Putin proseguirà poi a Roma, dove incontrerà il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e papa Francesco.
 
Famiglie gay – Il Parlamento europeo ha approvato a maggioranza, con 341 favorevoli, 281 contrari e 81 astenuti, un rapporto che per la prima volta definisce in maniera esplicita “famiglia” una coppia omosessuale con figli. L’obiettivo è raggiungere la parità di genere in Europa, anche se si tratta di un testo non vincolante.
 
Economia e Finanza
 
Grecia – Il premier greco Alexis Tsipras dovrebbe incontrare oggi la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese François Hollande per discutere del piano di impegni in cambio del quale Atene potrebbe ottenere lo sblocco delle tranche di aiuti dai creditori internazionali. Ma le ultime proposte della Grecia hanno deluso i creditori, infatti devono ancora essere colmate le divergenze sul tema del surplus primario, su Iva e pensioni, anche se Tsipras ha aperto su alcuni punti. Intanto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha affermato che l’Italia ha cambiato rotta ed è un esempio per le riforme.
Go to TOP