Le notizie del giorno. I senatori non saranno nè eletti nè retribuiti. Disfatta socialista in Francia, boom di Le Pen. Erdogan resta al potere in Turchia

Le notizie del giorno. I senatori non saranno nè eletti nè retribuiti. Disfatta socialista in Francia, boom di Le Pen. Erdogan resta al potere in Turchia
palazzo chigi
Politica interna
 
Riforme – Oggi via libera al disegno di legge costituzionale dal Consiglio dei ministri. In futuro i membri del Senato non saranno più elettivi e neppure retribuiti: sono questi i due punti più critici da far passare e Renzi è determinato ad andare fino in fondo nonostante sia consapevole delle resistenze anche all’interno del Pd e del rischio che in Aula i voti potrebbero mancare (sarebbero 25 i senatori del suo partito pronti a votare contro)
Ieri c’è stato un botta e risposta con il presidente Grasso, che uscendo allo scoperto ha criticato il progetto di riforma proprio nei punti relativi a composizione e funzioni della futura Camera Alta.
 
 
Politica estera
 
Voto amministrativo in Francia – Al secondo turno si conferma la disfatta socialista. Marine Le Pen conquista ben dieci municipi, nonostante non si presentasse in tutti i comuni e le proiezioni a livello nazionale danno il Front National al 20%. L’Ump , i neogollisti di Nicolas Sarkozy, conquista la maggioranza delle città e diventa il primo partito di Francia con il 49% dei consensi. Unica consolazione per Hollande, che sta preparando un rimpasto del suo esecutivo, la netta vittoria di Anne Hidalgo, prima donna a diventare sindaco di Parigi.
 
La crisi della Crimea – Usa e Russia sono alla ricerca di una via d’uscita alla crisi Ucraina, oggi nuovi colloqui a Parigi tra il segretario di Stato Kerry e il suo omologo russo Lavrov. Washington chiede il ritiro delle forze russe dai confini ucraini, il Cremlino punta alla nascita di uno Stato federato all’interno del quale troverebbero spazio forme di autonomia per la popolazione russofona, proposta respinta dall’Ucraina. Ma proprio Kiev fatica ormai a contenere le spinte separatiste: ieri migliaia di filorussi hanno manifestato a Donetsk chiedendo maggiore autonomia e un referendum.
 
Elezioni in Turchia – Le elezioni amministrative di ieri erano interpretate come un referendum sulla permanenza di Erdogan al potere. Ebbene, nonostante i recenti scandali politici, l’Akp, il partito islamico-moderato del premier, dai primi risultati si conferma in testa a Istanbul (dove vota un quinto del bacino elettorale del Paese) con cifre intorno al 50% e potrebbe conquistare anche Ankara, la capitale che molti davano sicura all’opposizione.
 
 
Economia e Finanza
 
Alitalia – Conclusa la due diligence sulla compagnia italiana, gli arabi di Etihad si apprestano a presentare le loro condizioni per l’acquisto del 40% della nostra compagnia di bandiera
 
Antitrust – L’Authority spiega nei dettagli le novità per i consumatori dopo il recepimento della direttiva europea che entrerà in vigore il 14 giugno. I diritti dei cittadini-acquirenti di beni o servizi on-line ne usciranno rafforzati e più tutelati

 

Share this post