Lavoro, la beffa del Jobs Act: gli sgravi al Nord finanziati dai fondi del Sud

fdg, La protesta dei lavoratori dell'Asl di SalernoIn base a stime SVIMEZ negli anni 2011-2014 le continue manovre di modifica dell’IRAP hanno

ridotto il costo del lavoro al Centro-Nord di 2.592 euro, al Sud di 2.263. La minore efficacia delle

misure fiscali continua e si aggrava nel 2015, con una riduzione del costo del lavoro di 8.362 euro

al Centro-Nord e di 8.144 al Sud. Rispetto a un lavoratore assunto a tempo indeterminato al

Centro-Nord negli ultimi quattro anni, quello del Sud costa circa 550 euro in più. Sud che viene

privato di 3,5 miliardi di euro prelevati dal Piano di Azione e Coesione per finanziare gli sgravi

contributivi anche ad aziende del Centro-Nord.

Secondo la SVIMEZ la manovra IRAP, la decontribuzione degli oneri sociali e il Jobs Act non

basteranno a rilanciare la domanda di lavoro, soprattutto al Sud; occorrerebbe invece ridurre

l’onere tributario sul capitale sul modello tedesco, destinare maggiori incentivi fiscali agli

investimenti privati e, soprattutto, rilanciare una politica economica di investimenti pubblici.

È quanto emerge dallo studio “Modifiche alla disciplina dell’IRAP ed effetti sul costo del lavoro e

sul cuneo fiscale: un raffronto territoriale” dei professori Gaetano Stornaiuolo e Salvatore Villani

di prossima pubblicazione sulla “Rivista Economica del Mezzogiorno”, trimestrale della SVIMEZ

edito da Il Mulino, i cui principali risultati sono anticipati nella nota di ricerca omonima

disponibile da oggi sul sito www.svimez.it.

Lo studio prende in esame l’impatto della normativa fiscale relativa all’IRAP sulle imprese del Centro-

Nord e del Sud negli anni 2011-2014 e gli effetti potenziali sulle stesse imprese degli interventi sul

costo del lavoro e sul cuneo fiscale contenuti nella Legge di Stabilità 2015 .

Dal 2011 al 2014 cuneo fiscale e costo del lavoratore per azienda in discesa a Nord e Sud – A fronte

di una retribuzione lorda media di 30.137 euro nel Centro-Nord e di 25.488 euro nel Mezzogiorno, dal

2011 al 2014 il costo del lavoro per le imprese al lordo IRAP è sceso in entrambe le ripartizioni,

ma con andamenti differenti e penalizzanti per il Sud.

Nel 2011 nel Centro-Nord il costo azienda di un lavoratore medio ammontava a 42.865 euro, con un

cuneo fiscale di 12.728 euro; tre anni dopo, nel 2014, a fronte della stessa retribuzione lorda media, il

costo del lavoro di un nuovo assunto a tempo indeterminato è stato pari a 40.273 euro e il cuneo fiscale

è sceso a 10.136 euro. Costo del lavoro e cuneo fiscale sono quindi diminuiti di 2.592 euro.

Dinamica simile al Sud, ma con riduzioni complessive minori rispetto a quelle ottenute dalle imprese

del Centro-Nord: nel 2011 il costo azienda di un lavoratore medio ammontava a 36.198 euro, con un

cuneo fiscale di 10.710 euro; tre anni dopo, nel 2014, a fronte della stessa retribuzione lorda media, il

costo del lavoro per i nuovi assunti è diventato pari a 33.935 euro, e il cuneo fiscale è sceso a 8.447

euro. Rispetto ai 2.592 euro del Centro-Nord, al Sud la riduzione del costo del lavoro e del cuneo

fiscale è stata di 2.263 euro, cioè 329 euro in meno.

Nel 2015 costo del lavoro e cuneo fiscale ridotti di 8.362 al Centro-Nord, 8.144 al Sud – Per ogni

nuovo lavoratore assunto a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2015 l’ultima Legge di Stabilità ha

previsto un ulteriore e forte abbattimento del costo del lavoro e del cuneo fiscale: 8.362 euro al Centro-

Nord, 8.144 euro per le imprese del Mezzogiorno, con una differenza, penalizzante per il Sud, di 218

euro.

Nel 2015 minori vantaggi fiscali IRAP per le imprese del Sud, 1.192 euro contro 1.245 – I vantaggi

fiscali IRAP per le imprese (cioè la riduzione dell’IRAP determinata dalle agevolazioni fiscali) seguono

lo stesso andamento del costo del lavoro e del cuneo fiscale. Nel 2011 nel Mezzogiorno il vantaggio

fiscale medio è stato pari a 425 euro per azienda, oltre il doppio del Centro-Nord (179 euro). Negli anni

successivi le deduzioni crescono in entrambe le ripartizioni, riducendo il distacco: nel 2014 la deduzione

media IRAP per le imprese del Sud è di 1.151 euro, 928 al Centro-Nord. Nel 2015, il sorpasso: il Sud si

ferma a 1.192 euro, il Centro-Nord sale a 1.245.

Rispetto quindi ai provvedimenti degli anni 2012 e 2013, che contenevano vantaggi IRAP per le aree

più deboli, le agevolazioni fiscali contenute nelle ultime leggi di stabilità del 2014 e del 2015

penalizzano le imprese del Sud: a parità di lavoratore da assumere a tempo indeterminato, per un

imprenditore diventa più conveniente al Centro-Nord piuttosto che al Sud.

Le novità introdotte dalla legge di stabilità 2015 – In caso di nuove assunzioni a tempo indeterminato,

alcune norme della Legge di Stabilità del 2015 influenzeranno direttamente e indirettamente il costo del

lavoro per le imprese: 1) l’eliminazione dell’IRAP sul costo del lavoro, 2) la decontribuzione di gran

parte degli oneri sociali, 3) il finanziamento previsto per la decontribuzione degli oneri sociali.

1) eliminazione dell’IRAP sul costo del lavoro – L’art.1 comma 20 della Legge di Stabilità 2015 prevede

la deduzione integrale dalla base imponibile IRAP del costo dei lavoratori dipendenti assunti con

contratto a tempo indeterminato. Ma al di là delle buone intenzioni di migliorare la competitività delle

imprese riducendo il costo del lavoro, si legge sempre nella nota, la misura porterà beneficio in gran

parte alle imprese del Centro-Nord.

Il minore effetto positivo nel 2015 delle manovre a favore delle imprese del Mezzogiorno è dovuto,

oltre che alla eliminazione di misure agevolative differenziate, anche al dettato previsto nella

normativa (introdotta nel 2014) che vincola la possibilità di usufruire delle deduzioni solo quando

l’entità complessiva delle misure agevolative (quella degli anni precedenti insieme alle nuove misure)

non superino il costo del lavoro al lordo degli oneri sociali. L’analisi delle deduzioni e agevolazioni

introdotte negli anni mostra che gran parte delle nuove deduzioni non possono essere richieste dalle

imprese del Mezzogiorno a causa del limite imposto alla cumulabilità delle misure territoriali

agevolative.

Non si vuole qui criticare il principio di equità adottato, sostengono gli studiosi, poiché è vero che il

Mezzogiorno ha goduto negli anni 2012 e 2013 di maggiori vantaggi fiscali per le imprese rispetto

all’altra ripartizione. È però vero che discriminare gli imprenditori a seconda del territorio

nell’accesso a misure di deduzione fiscale di certo non può incentivare la domanda di lavoro e

aiutare, anche attraverso la politica fiscale, lo sviluppo industriale delle aree più arretrate.

2) decontribuzione di gran parte degli oneri sociali – L’art.1 commi 118-122 della Legge di Stabilità

2015 che regola la dinamica degli sgravi contributivi INPS e INAIL, di fatto penalizza il Sud. In base

infatti alle leggi precedenti in vigore (407/90 e 92/2012) un’impresa meridionale in media poteva

accedere a 11.363 euro di sgravi cumulati INPS-INAIL, contro i 7.073 euro della stessa impresa nel

Centro-Nord. Stabilendo invece il limite massimo di sgravi per azienda su tutto il territorio nazionale a

8.060 euro, il Centro-Nord ottiene circa 1.000 euro in più, mentre il Sud ne perde in media 3.300.

3) finanziamento previsto per la decontribuzione degli oneri sociali: dal Piano di Azione e Coesione

3,5 miliardi per sgravi contributivi anche a imprese del Centro-Nord – In tutta Italia le nuove

assunzioni a tempo indeterminato saranno finanziate con risorse prelevate dal Piano di Azione e

Coesione; il comma 122 dell’art.1 della Legge di Stabilità 2015 stabilisce infatti l’obbligo di finanziare

la decontribuzione degli oneri sociali delle aziende italiane con i fondi europei assegnati e non

impegnati dalle Regioni del Sud al 30 settembre 2014. In questo modo, si legge nello studio, si drenano

risorse destinate al Sud per agevolare imprese del Centro-Nord. Risorse ingenti, pari

complessivamente a 3,5 miliardi di euro (3 miliardi negli anni 2015-2017, 500 milioni nel 2018).

Le proposte: ridurre l’onere tributario sul capitale, incentivare gli investimenti privati nel Sud e

attuare politiche di investimenti pubblici – In questa situazione, si legge nello studio, è molto

probabile che la manovra sull’IRAP, la decontribuzione degli oneri sociali e il Jobs Act, pur

determinando una riduzione del costo del lavoro e del cuneo fiscale, non basteranno da soli ad

aumentare automaticamente gli investimenti privati e a rilanciare la domanda di lavoro, soprattutto nel

Mezzogiorno. Per raggiungere tali obiettivi occorrerebbe ridurre l’onere tributario sul capitale sul

modello della politica tributaria tedesca; non a caso dal 2000 al 2012 l’aliquota implicita sul capitale in

Germania è diminuita del 4,7%, mentre in Italia è aumentata del 9,4%. Inoltre, occorrerebbe una

manovra fiscale più ampia di incentivi agli investimenti privati, ad esempio riducendo l’onere fiscale sul

capitale e sugli investimenti, soprattutto al Sud, sul modello dell’Ace. Serve soprattutto una politica

economica di incremento degli investimenti pubblici che punti a superare il gap del Mezzogiorno nella

minore dotazione di infrastrutture e a migliorare l’efficienza e la qualità dei servizi.

Go to TOP