L’alta moda di Antonio Grimaldi sfila a Taormina

Di Fausta Testaj’

Il TAOMODA quest’anno ha avuto il privilegio di ospitare Antonio Grimaldi TAO AWARDS per” L’HAUTE COUTURE”, così per la prima volta il Teatro Greco di Taormina ha visto sfilare sulle sue tavole il lusso dell’alta moda Parigina

  • Lei è qui al TAOMODA perchè è stato premiato con il TAO AWARDS EXCELLENCE per L’ HAUTE COUTURE se l’immaginava di essere richiamato a sfilare a Parigi, perchè lei non è affatto la prima volta che vi sfila

R: Infatti sono quattro anni che sfilo a Parigi dal 2017, quest’anno a causa della Pandemia non ci sono state la sfilate ma abbiamo comunque presentato un fashion-film con Asia Argento e la figlia Anna Luo, Asia Argento ne ha curato anche la Regia e sono felicissimo di essere qui a Taormina vi mancavo da tanti anni, io sono innamorato di questo teatro e non immaginavo mai di essere qui stasera a presentare i miei abiti ed a essere premiato.

  • Ammirando i suoi abiti ho notato che lei usa il colore in tutte le sue sfumature, cos’è per lei il colore?

R: Il colore è fondamentale, sono innamorato dei colori non decisi, non facilmente definibili, appunto con delle sfumature particolari.

  • Lei è di Salerno però vive a Roma qual’è il suo rapporto con la città eterna?

R: Io sono innamoratissimo di Roma ormai mi sento suo cittadino anche perchè vi sono arrivato giovanissimo, è una città che ispira, che dà tanto, amata in tutto il Mondo quindi è bellissimo vivere in una città come la nostra Capitale.

  • Come la vive Roma l’Alta Moda?

R: Fanno degli sforzi enormi  per andare avanti  e sicuramente non è d’interesse a livello Internazionale però, soprattutto in questo periodo, aiutano molto i giovani che mi sembra anche giusto, in qualche modo è un trampolino di lancio.

  • Tra Roma-Milano e Parigi resta sempre Parigi la città più ambita per le sfilate

R: Parigi è l’Alta Moda, Milano è il pret-a- porter quindi la scelta per me  che ho privilegiato L’HAUTE COUTURE  è stata d’obbligo anche se mi sento molto a casa anche a Milano.

  • Anche Londra non è come Parigi?

R: No, l’HAUTE COUTURE vera esiste solo a Parigi, solo lì c’è la vera Alta Moda.

  • Com’è iniziata la sua carriera di stilista perchè se non sbaglio lei ha studiato come grafico pubblicitario?

R: Si, frequentavo l’Istituto d’Arte come grafico pubblicitario perchè a Salerno non c’era la Moda, poi come le dicevo mi sono trasferito a Roma da giovanissimo e ho iniziato a frequentare le scuole di Moda.

  • C’è stata qualcosa o qualcuno che l’ha lanciata verso il campo Internazionale?

R: In realtà no, è stata la mia tenacia, il mio lavoro che è piaciuto e quindi sono stato sostenuto sempre dalle mie clienti.

  • Com’è arrivato a conquistare il Mercato Medio Orientale e a vestire molte famiglie reali?

R: Non è stato facile però loro come tutte le donne sono innamorate dei begl’abiti, si sono innamorate del nostro Made in Italy, dei designer Italiani, fortunatamente sono stato cercato e poi si è aperta la strada.

  • Lei veste anche molte dive Internazionali tra loro e le principesse chi è più esigente?

R: AH! Entrambe,le donne sono tutte uguali, èpoi l’Alta Moda è questo  l’abito che ti deve stare perfetto, fatto apposta per te è un rapporto diretto con la cliente quindi è importantissimo anche capirla e sostenerla in qualche modo.

  • In questo momento la moda Italiana come viene percepita all’estero, qual’è il suo stato di salute?

R: Continua ad essere super amata, noi abbiamo tutto il Mondo che ci guarda in continuazione, la Moda Italiana è sicuramente ai primi posti nel Mondo  e secondo me lo rimarrà per sempre.

  • Di solito però gli stilisti per avere veramente successo e lei ne è la prova vivente, vanno all’Estero, questo perchè l’Italia non apprezza e valorizza quello che ha di buono o perchè l’estero attira di più?

R: Ma anche Milano, che è in Italia, in realtà è un ottimo posto dove sfilare e presentare le collezioni, io per esempio ho scelto Parigi perchè l’Alta Moda come le dicevo, è lì, però in Italia, a parte questo momento, vengono tutti i Bayer del Mondo, tutti i giornalisti Internazionali a seguire la fashion- week di Milano quindi anche Milano è un ottimo trampolino di lancio, certo è difficile perchè il mercato è molto esigente in questo momento bisogna essere pronti a qualsiasi cosa.

Go to TOP