La telefonata di una donna a un numero che pochi conoscono getta lo scompiglio nello staff del ministro impegnato in una terrificante guerra alla mafia. Nasce così una storia d’amore che attraversa la stagione della paura con una trama misteriosa e culmina con una carriera politica stroncata: quella del ministro che deve affrontare una difficile prova giudiziaria, ma riesce almeno a salvare la vita. Sono i passaggi cruciali di una storia
che, tra finzione e realtà, Tonino Bettanini racconta nel suo romanzo Contro tutte le paure (Il canneto editore, 208 pagine, 13 euro). Bettanini ha lavorato con sei ministri, un vice presidente della Commissione europea e un presidente del Senato. Del ministro con cui collabora quando la storia comincia non dice il nome.
Lo chiama “Ennepi” che sta per “Nota personalità”, come vengono indicati i personaggi da tutelare nelle comunicazioni tra apparati di sicurezza. Ma la collocazione temporale e la descrizione portano a Claudio Martelli, ministro della Giustizia nella fase più acuta e sanguinosa della sfida mafiosa allo Stato. Martelli è anche il ministro che 30 anni fa volle nel suo staff Giovanni Falcone in una stagione (1991-1993) in cui la lotta a Cosa nostra passò attraverso un nuovo impegno politico e più mirati interventi legislativi. Fu proprio in quella fase che la squadra di “Ennepi” dovette fare i conti con la
campagna militare di Cosa nostra e gli attacchi velenosi contro Falcone delegittimato da una parte della stessa magistratura. E finì per essere smantellata.

Leave a Reply

  • (not be published)