Questa settimana, la poesia è dedicata ad una specie da proteggere, una delle specie più fragili del pianeta: il cuore. Il cuore che può sopportare tutto per amore, ma allo stesso tempo può morire per mancanza d’amore, quindi bisogna tenerlo sempre protetto e alimentarlo col cibo adatto: l’amore. Un caloroso saluto e Vi auguro di trascorrere un buon fine settimana.

Mario Longobardi


Specie protetta

M’agge levate ‘o core ‘a piette.
Ma no pe’ dispiette
anze proprie per affetto.
Era ‘na vita ca’ suffreve,
poveretto.
M’ ‘a fatto compassione…
strazziate…
sule…
pe’ colpe è tutte chelli passìone.
Ve dico ‘a verità…
doppe è primme turmiente
dovuti all’intervento
già mme senteve meglio,

era proprio ‘o caso è dicere:
m’agge levato ‘nu pis’ ‘a pietto.
L’ho deposto con affetto,
sott’ a ‘na campana è vetro,
in un’area protetta,
comme fosse n’animale
bisognose è prutezzione,
infatti ‘ngopp’ ‘o vetro
‘ncè aggia scritte:
CUORE UMANO
SPECIE PROTETTA

email: mario.longobardi1963@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *