La poesia di questa settimana è un canto all’amore puro, alla descrizione della gioia del cuore innamorato, alla descrizione delle emozioni quando si percepisce di aver incontrato la parte mancante del proprio essere. Dalla mia raccolta “Canto ll’ammore”: Dimme. Vi auguro un buon fine settimana sempre più innamorati.

Mario Longobardi

Dimme

Dimme…
dimme oje bella rosa,
dimme ‘na bella cosa,
damme ‘nu bellu vase,
famme sentì ca’ stongh’ ’e case
‘mpiette a te.
Invece tu mme guarde…
e niente dice,
nun me vuo’ fa felice?

Je aspetto…
nun te do’ pressa,
ah… che bella vocca rossa,
nun penze ca’ mme sbaglie,
nun po’ essere n’abbaglie
e cuntinue a guard’ ‘a te.

Finalmente te decide
guarde ‘o sole e faje ‘nu rise,
vocca rossa si mme vase…
mme scorde a Dio,
a mamma
e pure ‘a via da casa.

Vocca addirosa
prufumata cchiù de rose
mme bastate …
‘nu vasille …
piccerille…
pe’ vulà comm’ o cardillo.
Ancora nun ‘nce crede,
cu’ ’nu vase ca’ mme date
‘o core ‘mpiette s’ è perciate
e mo’ tutte cuntente
va vulanne tuorne tuorne,
tutte quante hanna sapè
ca’ ’a cchiù bella…
ha ditte si a me.
È vulato ‘ngopp’ ‘o sole,
‘ngopp’ ‘a luna
e ‘ngopp’ a ogni stella,
po’ è turnate ‘mbracci’ a tte.
Tu ‘o sole!
Tu ‘a luna!
Tu ‘a cchiù bella
è tutte è stelle!
Tu ll’unico ammore
mije pe’ mme!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *