Integrazione culturale, CineMigrare punta sui giovani

Integrazione culturale, CineMigrare punta sui giovani

Si è conclusa da poco la prima tappa siciliana di CineMigrare, Festival Internazionale di cinema senza frontiere, con il Premio al Miglior Film assegnato al cortometraggio Hady di Riccardo Di Gerlando.

Questa volta si ritorna, ma come ospiti del progetto Movie-sti Stu Film, ideato dagli studenti del Liceo “G. Turrisi Colonna” di Catania. L’appuntamento è fissato per lunedì 10 giugno alle ore 9.30 presso la sede del Centro Didattico Athena, in via Spadaccini 16.

La mattina si articolerà in una serie di proiezioni di cortometraggi in concorso, proiezioni speciali e l’incontro con il regista etneo Alessandro Marinaro che presenterà il suo cortometraggio The bath e riceverà il Premio CineMigrare al termine di un incontro dal titolo che è tutto un programma: “Innovazione e tematiche di rilievo, connubio possibile?”.

A Mezzanotte zero zero di Nicola Conversa va, invece, la Menzione Speciale della giuria dei giovani.

Infine, i cortometraggi in concorso (Arpad Weisz di Pier Paolo Paganelli, Ius Maris di Vincenzo D’Arpe, Cabu Cabu 011 di Matteo Silvan, Obaida di Leonardo Cinieri Lombroso, Giovani Italiani di Alessandro Panza, Elias di Brando Bartoleschi, Baradar di Beppe Tufarulo) verranno visionati dalla giuria composta dagli studenti che, esprimendo la loro preferenza, decreteranno il vincitore per il “Premio al miglior corto mediterraneo”.

Share this post