Il terremoto di Catania scatena sui social l’odio contro i meridionali. Non sarebbe ora che qualcuno intervenisse?

Neanche una tragedia come quella del terremoto ferma gli istinti anti-meridionali che covano in Italia. E che vengono amplificati dalle piattaforme social, spesso megafono dei cretini. Ma perchè Facebook o le altre big di Internet non intervengono? Magari bannando questi profili?

Post spacciati per ‘umoristici’ ma che, in realtà, rappresentano un mondo di stereotipi a tratti inquietante. “Per capodanno, quest’anno – scrive un utente – Siciliani arrosto”, “Non è giusto prendersi gioco dei siciliani se durante il terremoto non ci sono state vittime – scrive un altro – Auspichiamoci scosse più forti”. E ancora, “Per le prossime scosse speriamo che cadano tutti i ripetitore delle compagnie telefoniche. Devono morire chiedendo aiuto, sti ‘fetosi'”. Fino alle trivialità più assurde come “per il cenone di capodanno, quest’anno, abbiamo siciliani arrosto” o ancora “Terremoto ed eruzione in Sicilia chiamasi selezione naturale”.“

Go to TOP