Il padre della sedicenne uccisa e bruciata a Corigliano Calabro: “Noi, abbandonati dallo Stato, l’assassino in una comunità di recupero…”

“Lo Stato, che si sta prendendo cura dell’assassino di mia figlia, ha mai mandato qualcuno nella mia famiglia per informarsi sul nostro stato di salute anche mentale o si e’ mai chiesto se dormiamo o nel cuore della notte ci svegliamo a piangere? Finora non lo ha mai fatto e noi siamo rimasti soli”. Lo afferma Mario Luzzi, il padre della sedicenne Fabiana uccisa e bruciata a Corigliano Calabro da fidanzatino nel maggio scorso. “Per lo Stato mia figlia – aggiunge – vale zero e noi siamo le vittime eterne di questa tragedia”.

Mario Luzzi aggiunge che “credo si sia persa di vista la gravita’ dell’orrendo omicidio che questo essere ha compiuto a danno di Fabiana, di tutta la sua famiglia e di un’intera comunita’. Mentre l’Italia grida il forte dolore per la perdita di una bambina, la legge cerca di condannare una persona a pochi anni per l’orrendo delitto che ha commesso”.

“A mio dire, invece, credo – prosegue – che si dovrebbe condannare il delitto, l’azione criminale e tutto cio’ che ne deriva da questo atto orrendo, a venti ergastoli e non tanto tener conto dell’eta’ di un assassino, con tutte le attenuanti che ne derivano, altrimenti lo Stato sta dando ai minorenni la licenza di uccidere, tanto rimarranno impuniti perche’ al massimo dopo dieci anni possono rifarsi una vita, mentre Fabiana tra dieci anni avrebbe avuto 26 anni, eta’ in cui aveva tutti i diritti di avere e godersi la sacralita’ della vita che gratuitamente tutti gli esseri umani ricevono dal Creatore. L’assassino sta ricevendo tutte le attenzioni del caso, visite mediche, strutture sanitarie, e per finire il trasferimento a breve in una comunita’ della Liguria per il recupero, ma mia figlia chi me la recupera da sotto terra”

Go to TOP