Il Napoli cala il poker, scoppia la contestazione contro il Catania

colombia_duvan_zapata_getty

Il Napoli cala il poker a Catania. Gli azzurri espugnano il “Massimino” con le reti di Zapata (2), Callejon e Henrique (splendido tiro al volo). Padroni di casa dai due volti: inconcludenti nella prima frazione con quattro reti subite, piu’ reattivi nella ripresa. Catania (reduce dalla sconfitta di misura nella sfida contro la capolista Juventus), con Barrientos e Keko a formare il tandem d’attacco. Napoli con il 4-2-3-1: Higuain inizialmente in panchina, in campo Zapata supportato da Callejon, Hamsik e Insigne. Gara vivace sin dai primi minuti. Al 1′ Napoli vicino al vantaggio: incursione della squadra di Benitez e conclusione di Insigne, deviata da un difensore rossazzurro e respinta d’istinto con i piedi dall’attento Andujar.

Al 5′ gran siluro di Dzemaili respinto dal portiere dei siciliani. Grande chance per il Catania al minuto 11: contropiede della squadra di Maran e palla per Lodi che dopo aver vinto un contrasto con Reine fuori dai pali non finalizzava l’azione. Al 16′ il Napoli sbloccava il punteggio: scambio veloce Hamsik-Callejon e cross al centro per lo smarcato Zapata, lesto ad insaccare. Il Catania provava a reagire ma con poca precisione: al 21′ Monzon da buona posizione non riusciva a concludere verso la porta di Reina. Ancora siciliani insidiosi un minuto dopo con la traversa su gran tiro di Keko. Al 25′ il raddoppio dei campani: perfetto contropiede con Insigne che serviva Callejon. L’ex Real Madrid non falliva il 2-0. Al 27′ Barrientos da due passi alzava troppo la mira. Napoli concreto e spavaldo in contropiede, Catania poco preciso sottoporta. Al 38′ diagonale di Barrientos con Peruzzi anticipato in extremis dall’intervento di Reveillere. Al 40′ tris del Napoli: grandissimo gol del brasiliano Henrique con tiro al volo da posizione defilata. Siciliani storditi e al 43′ il poker sull’ennesimo contropiede firmato da Zapata.

Nella seconda frazione di gioco, conclusa con una bordata di fischi all’indirizzo dei calciatori del Catania per il pesante score, Maran inseriva due nuove pedine (Petkovic e l’esperto Plasil). Al 5′ Keko a tu per tu con Reina calciava fuori da buona posizione. Al 7′ i siciliani accorciavano le distanze: schema su punizione e palla per Monzon che da due passi non falliva. Il Napoli rallentava e il Catania provava a creare insidie alla difesa di Benitez. Al 18′ Keko sfiorava la traversa con un pallonetto che per poco beffava Reina. Al 20′ primo cambio per il Napoli: fuori Hamsik (il gol per lo slovacco e’ assente dalla gara d’andata con il Catania) e al suo posto il croato Radosevic. Al 30′ la sedonda rete per i siciliani: cross dalla destra e preciso colpo di testa di Gyomber con palla in fondo al sacco. A cinque minuti dal termine Higuain prendeva il posto di Zapata. L’ex Real Madrid provava a firmare la quinta rete napoletana ma Andujar non si faceva sorprendere. Fasi finali del match senza ulteriori sussulti: tre punti al Napoli e Catania reattivo solo a sprazzi. Diciottesima sconfitta per la squadra di Maran. Benitez invece porta a casa la vittoria numero 18 e volge lo sguardo al prossimo impegno: domenica al San Paolo arriva la Juventus

Go to TOP