Il Commento. Andatevene a casa parlamentari del Sud

di Michele Eugenio Di Carlo*

Andatevene a casa parlamentari del Sud! Ma come, avreste dovuto indignarsi per il silenzio dei media nazionali sul Rapporto Eurispes 2020 (840 miliardi sottratti al Mezzogiorno dal 2000 al 2017) e al loro silenzio voi aggiungete il vostro? Andatevene a casa, godetevi il vostro vitalizio a vita e non se ne parli più. Non fate ulteriori danni! I nostri studi, i nostri articoli da meridionalisti del M24A per l’equità territoriale trovano pieno conforto nel recentissimo Rapporto Italia 2020 dell’Eurispes, l’istituto di Studi Politici, Economici e Sociali degli italiani, e voi, sempre pronti ad intervenire su questioni da “baraccone” e lanciare slogan propagandistici per acquisire la persa autorevolezza, che fate? Non leggete o ignorate il rapporto. E allora voglio ricordarvi le parole deflagranti del presidente dell’ Eurispes Gian Maria Fara, che prende spunto nella sua analisi proprio dal processo unitario italiano: «Sulla questione meridionale, dall’Unità d’Italia ad oggi, si sono consumate le più spudorate menzogne.

Il Sud, di volta in volta descritto come la sanguisuga del resto d’Italia, come luogo di concentrazione del malaffare, come ricovero di nullafacenti, come gancio che frena la crescita economica e civile del Paese, come elemento di dissipazione della ricchezza nazionale, attende ancora giustizia e una autocritica collettiva da parte di chi – pezzi interi di classe dirigente anche meridionale e sistema dell’informazione – ha alimentato questa deriva». E probabilmente il presidente Fara, dato il vostro silenzio, ha colto nel segno perché l’accusa alla classe dirigente italiana e al sistema dell’informazione è chiara, precisa e puntuale.

A voi non fa né caldo né freddo se lo stato italiano nel 2016 ha speso per ogni cittadino del Centro-Nord 15.062 euro, mentre per ogni cittadino del Sud la spesa è stata di 12.040 euro, una differenza di ben 3022 euro pro-capite; se nel 2017 l’Eurispes rileva per il Centro-Nord una spesa pro-capite aumentata a 15.297 euro, per il Sud una spesa pro-capite diminuita a 11.939 euro per una differenza che aumenta a 3358 euro e che moltiplicata per il numero di abitanti del Mezzogiorno ammonta a oltre 60 miliardi annui; se il Rapporto Italia 2020 attesta incontrovertibilmente che, in relazione alla percentuale di popolazione residente, al Sud dal 2000 al 2017 è stata sottratta una somma pari a 840 miliardi. Voi non fate parte di questa nostra umiliata e derubata terra! Voi siete parte del Partito Unico del Nord! Andatevene a casa!
*(M24A per l’Equita’ Territoriale)

Go to TOP