I clan usano i social network, le minacce arrivano via Facebook

20131005_polizia1

I clan sui social network. Aveva lanciato attraverso un post su Facebook minacce contro chi il 16 ottobre gli aveva sparato e ieri sera poco dopo le 23.30 ci hanno riprovato colpendo la sua casa con numerosi colpi d’arma da fuoco. Si tratta di Fabio Orefice, un 30enne di Pianura(NA) legato al clan dei Mele attivo nella zona. Il giovane, ferito nel mese di ottobre scorso alla scapola e nella zona lombare mentre era affacciato al balcone della propria abitazione, ha accompagnato al messaggio di minacce postato sul social network anche foto delle sue ferite e di armi appoggiate al muro.

In seguito alla pubblicazione di questa immagine, gli agenti della polizia di Stato, che indagano sul primo agguato, hanno eseguito controlli e perquisizioni anche all’interno dell’abitazione di Orefice, ma secondo fonti investigative, non sono state trovate armi. Sul secondo attacco, invece, che è scattato ieri sera, sono in corso le indagini dei carabinieri di Bagnoli. Sul posto i militari dell’arma hanno ritrovato circa 10 bossoli.

Go to TOP