Gomorra, polemiche e indagini: la serie Tv finisce nel mirino della Dia

serie GomorraEsordio di fuoco per la serie Tv Gomorra. Oltre alle polemiche sulla fiction di Sky, riflettori anche sull’indagine  – disposta dalla dda di Napoli e  condotta dai Carabinieri di  Torre Annunziata – che  ruota intorno  alla casa del boss protagonista   della serie, Pietro Savastano,  che nella realtà – come  rivelato dal Fatto Quotidiano nel  settembre 2013 – appartiene a  un vero boss di Torre Annunziata. Si tratta di  Francesco  Gallo, classe 1976, arrestato  proprio mentre la troupe registrava  le scene. Per la casa di  Gallo, la produzione di Gomorra

– la serie, ha firmato un vero e  proprio contratto da 30 mila  euro per sei mesi – poi finito  nelle mani dell`amministrazione  giudiziaria, perché sequestrato

dai carabinieri di Torre  Annunziata, insieme con la villa.

GLI INQUIRENTI indagano anche  sui pasti – per un cast di  circa 50 persone – acquistati  dalla sorella del boss. Un contratto che puzza di possibile estorsione anche se i protagonisti della fiction hanno sempre affermato di essere stati trattati con i guanti durante le riprese, circa 216 giorni di lavoro.

Go to TOP