Gli incidenti prima di Inter-Napoli, per gli inquirenti la mente è il capo degli Ultra. Domani il nuovo interrogatorio

Avrebbe organizzato tutto lui, partecipando personalmente gli assalti e ricoprendo un ruolo decisivo. Sotto accusa finisce Marco Piovella che, per il Giudice delle indagini preliminari di Milano, sarebbe la mente dietro gli scontri che hanno insanguinato i minuti precedenti la partita Inter-Napoli. Leader dei Boys, uno dei gruppi della curva nerazzurra, imprenditore e designer ma anche irriducibile ultra, si era già presentato in Questura domenica. Ma non aveva convinto i magistrati. Domani nuovo interrogatorio, con l’accusa di rissa e lesioni aggravate. In quell’occasione potrebbe dare la sua versione dei fatti.

Per i magistrati che indagano sull’assalto, si tratta di un soggetto “pericoloso e reticente”, con un potere enorme tra tifosi. Tanto da influenzare le dichiarazioni degli altri Ultras agli inquirenti. Anche se è stato proprio uno di loro ad indicare Piovella come l’organizzatore di tutto, spiegando come ha funzionato la catena di comando, gli ordini che ha ricevuto e dove hanno recuperato armi, bastoni e spranghe impiegati nel blitz.

Resta ancora da individuare l’autista del SUV che ha investito e ucciso Daniele Belardinelli: le telecamere della zona non hanno inquadrato il momento della morte del tifoso. Proprio Piovella, nelle dichiarazioni rese domenica, ha parlato di un’auto scura che ha lentamente schiacciato l’uomo.

Go to TOP