Esodo da incubo, il 4 e il 5 agosto casellanti in sciopero

Esodo da incubo, il 4 e il 5 agosto casellanti in sciopero

Si profila un esodo da incubo per gli automobilisti italiani che partiranno per le vacanze il prossimo week end. Motivo? Uno sciopero di 4 ore nelle autostrade per i prossimi 4 e 5 agosto. A proclamare la protesta sono unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Sla Cisal e Ugl Trasporti «a seguito dello stato di agitazione, proclamato per la fase critica che sta caratterizzando la trattativa, che riprenderà martedì 30, per il rinnovo del contratto nazionale di settore». Lo si legge in una nota della Filt Cgil. Laconico il ministro dei Trasporti: «Decisione irresponsabile».

Dalle 10 alle 14, dalle 18 alle 22 di domenica 4 e dalle 22 di domenica 4 alle 2 di lunedì 5 si fermeranno gli addetti all esazione ai caselli e il personale turnista non sottoposto alla regolamentazione dello sciopero. Stop al personale impiegato con turni sfalsati e spezzati nelle ultime 4 ore della prestazione mentre il personale tecnico e amministrativo si fermerà le prime 4 ore del proprio turno di lunedì 5 agosto. «Dallo sciopero – conclude la nota – resta escluso tutto il personale sottoposto alla legge sullo sciopero ed alla regolamentazione provvisoria del settore».

Intanto bollino nero sulle strade delle vacanze per sabato 3 agosto e sabato 10 agosto, date che vengono considerate con maggiore criticità, in vista del traffico. È quanto annunciato dal Viminale alla presentazione del piano di Viabilità Italia per l esodo estivo 2019. La maggior concentrazione di traffico per i rientri in città con la chiusura del controesodo è prevista nell ultima domenica di agosto e nella prima domenica di settembre.

Share this post