Impianto Eni GelaPrecipita la vertenza degli operai dell’Eni a Gela, che da giorni picchettano gli ingressi del Petrolchimico contro l’ipotesi di revoca degli investimenti programmati per 700 mln e la chiusura dello stabilimento. Anche se il vice ministro allo Sviluppo, Claudio De Vincenti, prova a stemperare il clima rovente: “Capisco le preoccupazioni”, ma “non c’e’ da fare allarmismi”. L’azienda, spiega dopo la riunione al Mise, “ha dato indicazioni importanti sull’intenzione di investire”, percio’ “ho invitato Eni a presentare quanto prima un vero piano industriale”. A breve nuovo appuntamento al Mise. Ma dopo la rottura ieri sera delle trattative tra il cane a sei zampe e i sindacati, la rabbia sta montando sempre di piu’ ed e’ gia’ stato indetto uno sciopero generale allo stabilimento entro il 20 luglio. Gruppi di operai, stamani, si sono spostati ai cancelli della consociata dell’Eni, “Green Stream”, con l’obiettivo di bloccare il gas che proviene dalla Libia attraverso il metanodotto sottomarino, fermando l’attivita’ nel terminale di arrivo e di rilancio del metano, destinato alla rete nazionale. “Se l’Eni vuole la guerra a Gela l’avra’ su tutti i campi, non solo nella raffinazione ma anche nella ricerca dei giacimenti, nell’estrazione del petrolio e nell’approvvigionamento del metano” minacciano i lavoratori”.

Fra qualche giorno si potrebbero fermare le pompe di estrazione del petrolio perche’, in conseguenza del blocco del porto e delle spedizioni, i serbatoi di raccolta dei “centri oli” sono ormai quasi pieni. E se le proteste dovessero fermare il gasdotto “Greenstream” che porta il metano dai giacimenti della Libia all’approdo italiano verrebbero a mancare 10 miliardi di metri cubi di gas: due miliardi per l’Italia e 8 per gli altri Paesi, in prevalenza la Francia. Insomma, la tensione e’ alle stelle. E la riunione di oggi ha alimentato le preoccupazioni. Se ne fa interprete il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, al termine del vertice. “Si prevedono solo tagli nel Mezzogiorno, questo e’ totalmente inaccettabile; ora aspettiamo che l’Eni consegni il piano industriale, ma se l’intenzione e’ chiudere Gela e Priolo, la Sicilianon ci sta”, dice. Crocetta, pressato dai sindacati siciliani, e’ netto: “Chiederemo un risarcimento miliardario se l’Eni confermera’ nel piano industriale l’intenzione di abbandonare la Sicilia”.