De Magistris promuove Servillo a cittadino onorario di Napoli

De Magistris promuove Servillo a cittadino onorario di Napoli

servillo_foto

La Giunta  comunale, su proposta del Sindaco Luigi de Magistris, ha approvato  la  delibera con la quale viene conferita la cittadinanza onoraria a Toni Servillo,  protagonista de La grande bellezza, recentemente premiata come miglior pellicola  straniera agli Oscar di Los Angeles.La cerimonia di  conferimento della cittadinanza onoraria si svolgerà nella mattinata di  mercoledì 30 aprile al Maschio Angioino, alla presenza anche di numerose  personalità del mondo culturale cittadino, e sarà trasmessa in diretta streaming  sul sito web del Comune.

Dichiarazione del  Sindaco Luigi de Magistris

“Il  conferimento della cittadinanza onoraria a Toni Servillo vuole essere un  riconoscimento ufficiale ad un attore, teatrale e cinematografico, profondamente  amato dal pubblico e altrettanto stimato dalla critica, rappresentante  internazionale di una comunità che ha saputo interpretare nei suoi molteplici  volti e che oggi, con​ tale onorificenza e in modo unanime, gli riconosce  questo importante ruolo e questo positivo merito. La sua attività professionale – che lo ha visto impegnato recentemente anche a Napoli con Le voci di dentro di  Eduardo e di cui La grande bellezza, film premiato agli Oscar, rappresenta solo  l’ultimo successo in ordine cronologico- è frutto sicuramente di un indiscusso  talento e di una rara passione per l’arte della recitazione, ma è anche  espressione di un’intelligente sensibilità critica verso il tempo contemporaneo,  di cui Toni Servillo è osservatore attento come dimostrano le molteplici  interpretazioni cinematografiche da lui realizzate”.

“Sembra  strano dover annunciare che Toni Servillo sia diventato  ufficialmente napoletano, perché ciò che  è vero soltanto da oggi, per il conferimento della cittadinanza onoraria della  città, è molto più vero, nei fatti, da tanti anni – dice Nino Daniele, assessore alla Cultura – I  fatti sono quelli di un attore, teatrale e cinematografico, al quale il pubblico  e la critica riconoscono capacità straordinarie, vorrei dire prodigiose. Ma c’è  di più, per noi napoletani. Per noi Toni Servillo si inserisce in quella  galleria di grandi protagonisti del teatro e del cinema che la vita, la cultura,  il pensiero, qualche volta lo strazio dell’essere napoletani, del vivere questa  città durissima e meravigliosa non lo hanno soltanto interpretato, gli hanno  dato carne, figura, parola. Non  sono pochi i nomi di questa galleria, immaginaria forse, ma presente nella  nostra mente, e sono diversi tra loro: Eduardo innanzitutto,il più grande.Ma  tanti di quella Comedy in plein air, sono riusciti a parlare a un pubblico  talmente ampio da avere per confine i confini stessi del mondo. E di questo  essere napoletani Servillo è oggi interprete.Essere per il suo rigore  intellettuale e professionale e per la passione civile che anima il suo ” sapere  ” artistico antitesi del “populismo” e del” provincialismo”.

Per  questa sua capacità di artista e per la consapevolezza del suo legame con la più  viva tradizione culturale della nostra città, la cittadinanza onoraria non si  aggiunge semplicemente ai numerosi altri riconoscimenti che gli sono stati già  attribuiti. Per noi è molto di più. E’ un ritrovarci, nelle asprezze di una  città difficile, nell’ironia di una città intelligente, nella passione di una  città ricca d’amore che, come ha detto egli stesso “lotta  continuamente, contro la cultura della morte… e crea continuamente anche nella  difficoltà del suo quotidiano”.

Share this post