Crollo autostrada: insediato tavolo operativo per merci Sud-Est

crollo ponte sicilia 2

Chieste navi veloci per portare le derrate alimentari caricate sui camion dalla Sicilia orientale ai porti del nord con il maggior costo compensato da un incentivo. Dopo 
l'incontro al Comune voluto dal sindaco Bianco se n'è svolto un altro nella sede 
dell'Autorità portuale etnea con il Commissario Indaco, l'assessore regionale Pizzo, 
quello del Comune di Catania Angela Mazzola e i rappresentanti 
delle categorie produttive

Occorrono navi veloci che possano portare in 24 ore fino a Genova e ai porti del nord le merci su gomma in partenza dai porti della Sicilia orientale.
Questa la proposta lanciata nella prima riunione del Tavolo operativo voluto dal sindaco di Catania Enzo Bianco per studiare, dopo il crollo del pilone che ha interrotto l'autostrada A19, un'alternativa per le merci, in particolare quelle del Distretto del Sud-Est, che una volta si imbarcavano da Palermo.
All'incontro, svoltosi nella sede dell'Autorità Portuale di Catania, erano presenti, oltre al commissario Cosimo Indaco, l'assessore regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti Giovanni Pizzo, l'assessore alle Attività produttive del Comune di Catania Angela Mazzola, Franco Virgillito (vicedirettore della Camera di Commercio di Catania), Salvatore Bonura,(Fita-Cna), Angelo Di Martino (Anita- Confindustria Catania), Antonio Barone (Confartigianato trasporti), Domenico Ambra (agenti di commercio e della ConfCommercio di Catania), Giuseppe Bulla (vicepresidente nazionale Transfrigoroute Italia-Assotir) e Salvatore Pirrone, direttore generale del Consorzio autostrade siciliane. 
La proposta delle navi veloci, messa sul tappeto da Indaco e da Bonura, è stata accolta favorevolmente da tutti. In particolare i rappresentanti degli autotrasportatori hanno sottolineato che il costo maggiore per il trasporto potrebbe essere compensato da un incentivo statale o regionale, come l'ecobonus, per consentire al comparto di rimanere competitivo. Di Martino ha proposto anche la sospensione dei pedaggi autostradali siciliani, già sollecitata da Bulla. 
L'assessore Mazzola apprezzando l'iniziativa ha anche ribadito la necessità lavorare insieme alle soluzioni da inserire in un documento da presentare anche al governo nazionale. Indaco ha ricordato come dell'argomento avesse parlato nei giorni scorsi il sindaco Bianco con il ministro Delrio.
L'assessore Pizzo ha concluso l'incontro annunciando che le risorse finanziarie per la realizzazione - in tre mesi - della bretella per aggirare il viadotto crollato, sono già state reperite dall';Anas. Si è parlato anche del restringimento della carreggiata del viadotto in località Resuttano, un problema che l'Assessore considera urgente.
Go to TOP