Consumi, non tutto è perduto: settembre in linea con il 2019

Il mese di settembre 2020 ha registrato un trend sostanzialmente in linea con quello degli anni passati. Secondo l’Osservatorio di Stocard, il back to school ha evidenziato, infatti, un incremento del numero di acquisti nei negozi fisici rispetto ai mesi estivi, un fenomeno che si ripresenta tutti gli anni e che dal 24 agosto al 4 ottobre (week 35-40 nell’infografica) ha un trend sovrapponibile a quello dal 2017 al 2019. Stocard – l’applicazione wallet che consente di digitalizzare le carte fedeltà nel proprio smartphone – ha valutato il comportamento di acquisto degli oltre 8,5 milioni di utenti dell’app nelle settimane comprese tra il 24 agosto e il 4 ottobre, rispetto al periodo che va dal 1° giugno al 23 agosto (week23-34 nell’infografica). I risultati raccolti sono stati confrontati con le spese effettuate nello stesso periodo nei tre anni precedenti (2017, 2018, 2019). “Settembre è il mese del back to school in cui si nota un costante incremento nel numero di acquisto degli italiani – spiega Valeria Santoro, Country Manager di Stocard Italia –. Anche quest’anno il trend rispetta quello degli anni precedenti e offre un segnale positivo in momento economico e sanitario che resta molto complicato. Settori come la ristorazione, il pharma e i negozi per l’infanzia mostrano, a settembre, incrementi di spesa in linea con quelli dei tre anni precedenti.

Tra le evidenze della nostra indagine si distingue il fashion, settore che peraltro ha sofferto più di altri la pandemia: in questo back to school, infatti, è coinciso con un incremento maggiore rispetto agli anni precedenti, complici probabilmente i saldi estivi, prorogati quest’anno sino al 30 settembre”. L’indagine Stocard rivela però, quest’anno, anche un incremento meno sostenuto del numero di consumatori che si recano nei punti vendita. Infatti, tra il 24 agosto e il 4 ottobre 2020 si registra un +12% di consumatori che hanno effettuato acquisti rispetto al periodo compreso tra il 1° giugno e il 23 agosto. Si tratta del dato più basso rispetto ai precedenti tre anni, quando si annotava il +18% nel 2019, +16% nel 2018 e +21% nel 2017. Complessivamente, tuttavia, il trend di incremento degli eventi di acquisto resta invariato dal 2017 a oggi.

Infatti, sempre dal 24 agosto al 4 ottobre, l’Osservatorio Stocard ha notato come la crescita delle spese sia stata pari al 25% rispetto ai precedenti mesi estivi (1° giugno – 23 agosto). Un valore in linea con gli anni passati, quando si è registrato un +27% nel 2019 e 2018 e un + 26% nel 2017. Entrando nello specifico dei settori merceologici, risulta che – nel periodo di analisi – i negozi per l’infanzia, ristorazione e pharma hanno evidenziato una crescita degli acquisti in linea con i tre precedenti anni.

Nello specifico: I negozi per l’infanzia riportano un aumento pari al 32% di eventi di acquisto tra il 24 agosto e il 4 ottobre 2020, rispetto ai tre mesi precedenti. Incremento che, nei tre anni precedenti, consisteva nel +31% nel 2019, +30% nel 2018 e +33% nel 2017 Gli acquisti nella ristorazione crescono del 36% durante il back to school 2020 rispetto all’estate, mentre nel 2019 l’aumento è stato pari al 30%, al 34% nel 2018 e a un analogo 36% nel 2017 Nel pharma i consumi tra fine agosto e inizio ottobre salgono del 30% rispetto ai mesi estivi.

Nel 2019 tale crescita ammontava al 28%, 29% nel 2018 e 36% nel 2017 Il settore fashion mostra invece differenze più marcate, probabilmente riconducibili ai saldi estivi, che quest’anno sono terminati alla fine di settembre. Pertanto nel back to school 2020 gli eventi di acquisto hanno fatto un balzo del 19% rispetto a giugno, luglio e agosto, mentre lo scorso anno si registrava solo un +10%, in linea con il 2018 (+11%) e 2017 (+15%).

Go to TOP