Consumi, il 2013 un anno nero per il commercio

vendite natale

Nel 2013 le vendite in Italia sono calate del 2,1 per cento rispetto all’anno precedente. Lo comunica l’Istat nelle rivelazioni sul commercio al dettaglio. Il dato è il risultato di “sintesi di flessioni dell’1,1% per i prodotti alimentari e del 2,7% per i prodotti non alimentari”. A dicembre, segnala ancora l’Istat, “l’indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio diminuisce dello 0,3% rispetto al mese precedente. Nella media del trimestre ottobre-dicembre 2013, l’indice registra una flessione dello 0,4% rispetto ai tre mesi precedenti. Nel confronto con novembre 2013, a dicembre le vendite di prodotti alimentari diminuiscono dello 0,5%, quelle di prodotti non alimentari dello 0,3%. Rispetto a dicembre 2012, l’indice grezzo del totale delle vendite segna una flessione del 2,6%, sintesi di diminuzioni del 2,3% per le vendite di prodotti alimentari e del 2,7% per quelle di prodotti non alimentari. Le vendite per forma distributiva evidenziano, nel confronto con il mese di dicembre 2012, una flessione sia per la grande distribuzione (-2,7%), sia per le imprese operanti su piccole superfici (-2,4%)”.

Go to TOP