Colpo alla ‘ndrangheta, arrestato il boss Di Marte: latitante da 3 anni

E’ stato arrestato nella tarda serata di ieri, in localita’ Ponte Vecchio di Gioia Tauro, nel Reggino, dai militari del gruppo di Gioia Tauro, del nucleo investigativo di Reggio Calabria e dello squadrone “Cacciatori” di Calabria, il latitante Vincenzo Di Marte, 37 anni, personaggio di spicco della cosca “Pesce” operante nel territorio di Rosarno e Gioia Tauro. L’uomo si era reso irreperibile dal giugno 2015 e si era sottratto ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere perche’ ritenuto responsabile di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti aggravata dalla transnazionalita’ della condotta e con la finalita’ di agevolare il rafforzamento economico delle cosche di ‘ndrangheta dei “Pesce” di Rosarno e degli “Alvaro” di Sinopoli (operazione “Santa Fe'”). Capi di accusa che lo scorso luglio hanno condotto alla sua condanna in primo grado a 14 anni di reclusione. La transnazionalita’ dei traffici delittuosi a cui era dedito trova ulteriore conferma in un mandato di arresto europeo emesso nei suoi confronti dall’autorita’ giudiziaria spagnola per reati sugli stupefacenti.

Vai a TOP