Bronzi di Riace: Sgarbi, questa volta ci hai proprio rotto…

sgarbi bronzi di riace

B.S. Aliberti Borromeo

Vittorio Sgarbi, persona colta, affascinante, piena di carisma, personaggio perfetto per la sua eloquenza specie per trasmissioni del tipo “Buca lo schermo”. Purtroppo eloquenza e buon gusto non vanno spesso in sintonia nella persona dell’ambasciatore per le belle arti della regione Lombardia.

Il critico d’arte è indiscutibile quando parla di pittura, il solo che perfettamente coglie i giochi di luce di Caravaggio, dei paesaggi fiamminghi, del Mantegna, diventa però opinabile su altri temi e spesso manca di diplomazia tanto che il suo “ capra “ detto con foga oltrepassa i confini delle buone maniere.

Questa storia dei Bronzi di Riace proprio non l’ha digerita tanto che ieri durante la conferenza stampa  con Maroni ha detto: “ Gli unici che hanno rotto i c…. sono quelli di Reggio Calabria, la Calabria non è Italia visibilmente. I Bronzi si potevano trasportare, il no è stata una scelta politica di una commissione di deficenti”.

La sua opinione è diventata veramente stucchevole, e la giusta reazione del senatore Antonio Gentile il quale ha ribadito dicendo che è l’Italia a non essere presente in Calabria e non viceversa.

Che Sgarbi sia nel suo campo geniale è fuor di dubbio, ma l’analisi dei materiali e la chimica sono oggetto di studio per altri esperti; inoltre al caro Vittorio nazionale un bel ripasso di storia non farebbe male. Che la Calabria non sia Italia è un opinione oltre che razzista, è penosa per chi la coltiva e poi è da ricordare che il nome Italia, nel VI secolo a. C identificava la Calabria, non certamente altre regioni che a quel tempo, non lasciavano tracce di storia, e anche se  la civiltà Camuna appartiene a quella rupestre, e quella di Golasecca all’età del bronzo, si tratta sempre di tribù Celte e non italiane conquistate e dominate da Roma.

Go to TOP