Il conto e’ scritto sull’avviso di mora recapitato dal fisco italiano a Diego Armando Maradona. Un importo a otto cifre: 39 milioni di euro. Con le firme necessarie e gli immancabili bolli. Ma l’ex calciatore sbuffa, consigliato dall’inseparabile avvocato anti-tasse: ”E’ un altro spot pubblicitario: ho subito una persecuzione nel Paese delle tasse”. Questa volta pero’ il fisco non sceglie azioni spettacolari. ”Nessun accadimento, un atto dovuto”, ripetono ad Equitalia. Non ci sono finanzieri sulla scaletta dell’aereo per consegnargli la richiesta di pagamento. Sono invece due anonimi ispettori di Equitalia ad attendere Maradona con pazienza nella hall del lussuoso hotel Boscolo di Milano. ”Ho regalato solo amore per la gente e spettacolo sportivo senza mai fare male a nessuno ma subendo cattiverie”, dice l’ex calciatore. A differenza del passato i funzionari del fisco non vanno subito al dunque. Non pignorano ne’ l’orologio d’oro ne’ l’orecchino con brillante. Bisogna prima consegnare – impongono le nuove regole del ‘galateo’ degli accertamenti fiscali – un avviso di mora che per sei mesi dara’ la possibilita’ di attivare procedure di riscossione coatta delle somme dovute. Ad esempio incassando somme guadagnate con presenze in Tv o sponsorizzazioni. Gia’ giovedi’ nel tardo pomeriggio i due funzionari si erano presentati alla concierge dell’elegante hotel milanese, a meta’ strada tra via Montenapoleone e il Duomo, per chiedere di Maradona. Ma il campione non era uscito dalla camera. Armati di pazienza gli ispettori non hanno pero mollato la presa fino alla mattina successiva. Lo sapevano tutti. Diego Armando e’ atteso per Roma dove assistera’, da spettatore, alla sfida Roma-Lazio. Con El Pibe a Milano c’e’ anche il suo avvocato Angelo Pisani, che all’ultima tornata elettorale si e’ presentato a Napoli con una lista civica di centro destra in forte polemica con il fisco. Nessuna rimostranza pero’: Maradona questa volta non puo’ far altro che firmare l’atto. ”Per la prima volta dopo 25 anni Maradona ha regolarmente ricevuto una fotocopia di una criptica richiesta milionaria”, spiega dopo Pisani in una nota, ribadendo la sua linea difensiva. Sostiene che ”per amore del vero i processi penali, civili e tributari tutti tentati in difesa del campione del secolo contro il sistema Fisco-Equitalia son ancora in corso e non ci sono sentenze definitive”. Ma le cronache degli ultimi anni e le risultanze del fisco sembrano dire esattamente il contrario. L’ingente debito di Maradona, 39 milioni raggiunti con sanzioni e interessi, e’ stato piu’ volte confermato dalle autorita’ giurisdizionali competenti. C’e’ una sentenza della Corte di Cassazione del febbraio 2005, quella della Commissione Tributaria Provinciale di Napoli depositata nel giugno del 2012 e il verdetto sentenza della Commissione Tributaria Centrale del primo febbraio di quest’anno. Inoltre, con un’ulteriore sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Napoli del 10 gennaio di quest’anno divenuta definitiva per mancata opposizione che dichiara inammissibile il ricorso al quale contro un presunto rifiuto su istanza di sgravio. Certo il duello fiscale non e’ finito. Cosi’ se il legale di Maradona sembra accogliere la notifica con tranquillita’, perche’ gli consente un nuovo ricorso, il fisco la vede come lo strumento che prelude ad un possibile incasso. Difficile, ad esempio, che la Rai possa pagare presenze Tv: una nuova norma impone alle societa’ pubbliche di verificare, prima di saldare una fattura sopra i 10.000 euro, le eventuali pretese del fisco. Difficile, poi, anche aggirare pagamenti diretti tramite versamenti a societa’ estere. Il fisco sul fronte estero e’ sempre piu’ attento. E visto la cifra in ballo, ha acceso il proprio faro ed e’ difficile che torni a spegnerlo.

Ancora cori razzisti negli stadi. É successo nella notte della”olimpico dove la Roma ha battuto il Napoli per 2 reti a zero. 

 Cori di ”Oh Vesuvio, lavali col fuoco” rivolti dai romanisti della curva nord ai napoletani del settore distinti, sempre Nord, si sono uditi all’Olimpico anche a una quarantina di minuti dall’inizio della partita. C’e’ stato anche uno scambio di petardi: prima ne hanno tirato uno i tifosi del Napoli verso quelli della Roma, poi il secondo ha fatto il percorso inverso, esplodendo fragorosamente in mezzo ai supporter partenopei, senza fare danni. (ANSA).

Roma, 18 ott. (LaPresse) – “Il rigore ha cambiato tutto”. E’ l’opinione di Rafa Benitez, allenatore del Napoli, al termine della sconfitta (2-0) sul campo della Roma. “Nel primo tempo – spiega il tecnico spagnolo ai microfoni di Sky Sport – a parte i primi 20 minuti, abbiamo fatto meglio di loro. Nella ripresa abbiamo avuto il controllo. Non era facile trovare spazio, ma la squadra controllava bene, era questione di tempo. Poi il rigore ha cambiato la partita”. Sempre sul discusso contatto Cannavaro-Borriello, Benitez rincara la dose: “Tutti mi hanno detto che non c’era. Ne vediamo tanti di contatti così. Non sarò io a dire se c’era rigore, lo dirà il responsabile dell’arbitro. La mia squadra, fino a quel momento, aveva fatto benissimo”. “Hamsik e Higuain? Hanno fatto una buonissima partita”, prosegue il tecnico, che chiarisce sull’iniziale esclusione di Higuain: “Ho deciso io di farlo partire dalla panchina e che era meglio di iniziare con Pandev”. Deluso anche Maradona presente sugli spalti: “abbiamo perso – ha detto lasciando lo stadio- peccato che non gioco più”.


Il mercato degli investimenti pubblicitari ad agosto 2013 chiude a -11% rispetto al 2012, facendo registrare una riduzione del -15,8% per i primi otto mesi, pari a circa 746 milioni di euro in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. I primi sette mesi del 2013 si erano chiusi a -16%. Lo dicono i nuovi dati Nielsen diffusi oggi.

“Continua il trend di riduzione del gap del dato cumulato dei primi otto mesi rispetto allo scorso anno. Agosto non ha evidenziato particolari crescite, se si escludono alcune eccezioni. Del resto, questo mese influisce poco sull’andamento annuale, essendo il periodo con il picco negativo stagionale e incidendo per circa il 3% sul totale dei 12 mesi”, spiega Alberto Dal Sasso, advertising information services business director di Nielsen.
Il mezzo Stampa continua ad assestarsi in terreno negativo, rimanendo vicino ‘quota 20′ nel periodo gennaio – agosto, con una riduzione del -22,4% per i quotidiani e del -24% per i periodici. In calo anche gli investimenti per il singolo mese, rispettivamente di -14% e -23,2%.
Dopo un luglio positivo e in attesa di una possibile crescita consolidata per settembre, la Tv ad agosto torna a decrescere, registrando un calo medio del -4,1% per il singolo mese e -14,6% per il cumulato. Anche Internet risente della congiuntura negativa, fermandosi a -3% sui primi otto mesi dell’anno e a -4,2% per il singolo mese, relativamente al perimetro attualmente monitorato. Nessuna apprezzabile differenza rispetto a luglio per la radio, che chiude il periodo cumulato a -12,6%.
Andamenti negativi per il Direct Mail (-16,7%) e per l’Out of Home (-12,1%). Persiste la crisi nel Cinema con una riduzione del -27,7% per il cumulato degli otto mesi dell’anno.
Per quanto riguarda i settori merceologici, i dati di agosto mostrano situazioni differenti per le prime tre categorie di investimento. Le Telecomunicazioni, infatti, proseguono il trend di ripresa con un +25,1% sul mese che porta il cumulato a -6%. L’Alimentare è sempre in calo con -9,7% tendenziale e un cumulato a -20,6%. Nel settore dell’Automotive, invece, si registra una riduzione di circa un terzo dell’investimento (-29,8%) rispetto allo stesso mese del 2012 e un cumulato di -25,6%. Alcuni settori, oltre le già citate Telecomunicazioni, sono in crescita sul singolo mese: Tempo Libero (+12,1%), Motoveicoli (+12%), Elettrodomestici (+7,6%) e Abitazione (+4,3%).
“Alla luce delle recenti e incoraggianti dichiarazioni di alcune concessionarie”, ha concluso Dal Sasso “sarà importante aspettare il cosiddetto autunno pubblicitario per capire come si assesteranno i prossimi mesi e se si potrà parlare di inizio di una ripresa, in vista della fine anno e delle prime proiezioni per un 2014 che al momento appare ancora incerto”.
Qui, in un unico file, la nota, la tabella sugli investimenti per tipologia di media, la tabella sui settori di investimento.


La notizia era gia’ nell’aria, ma adesso e’ sicuro: questa sera Diego Armando Maradona sara’ presente allo stadio Olimpico per assistere all’anticipo di campionato Roma-Napoli. L’annuncio e’ stato dato dal legale del Pibe de Oro argentino, Angelo Pisani, che ha confermato ai microfoni di Radio Sportiva: ”Stiamo organizzando questo grande evento, un evento storico perche’ e’ la prima volta che sara’ in tribuna ad assistere ad una gara in Italia, chissa’ che non gli venga voglia di scendere in campo. Ieri abbiamo colorato d’azzurro Milano, stasera vorremmo farlo a Roma. Maradona ha sottolineato la signorilita’ del club giallorosso, che lo ha invitato con affetto e calore. Ci stiamo organizzando per partire, come sempre puo’ cambiare tutto da un momento all’altro, ma dovremmo andare a bordocampo”. ”Penso – ha aggiunto – che prima o poi Diego tornera’ davvero a Napoli, sono due passioni che possono incontrarsi. Non c’e’ stata alcuna visita, ne’ notifica dell’agenzia delle entrate. Si continua a perseguitare un personaggio simile per una presunta evasione fiscale relativa alla fine degli anni ’80 per una violazione che non e’ mai esistita, viene perseguitato solo perche’ in passato si era difeso forse un po’ male ma se uno non si difende non significa che sia colpevole, che un errore diventi la realta”’.

Basta con gli sprechi e la dispersione delle risorse europee. E basta con i veti incrociati delle Regioni che bloccano la modernizzazione della macchina dello Stato. E’ duro il monito che il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, fa partire dal convegno dei  Giovani di Confindustria riuniti nella città partenopea. “Pe r il Sud ci sono le risorse europee e quelle del fondo di coesione. Abbiamo un passato tutt’altro che lusinghiero in questi due settori. Sappiamo quanto si sia sprecato di quelle risorse. Oggi siamo di fronte a proposte che ritengo serie. Parlo del lavoro svolto da Barca e quello che sta portando avanti il ministro Trigilia. Fondamentale è utilizzare rapidamente e bene le risorse europee con forte concentrazione”.  Naturalmente, anche la macchina dello Stato deve assecondare questo processo: “E’ necessario che si rinnovi e che non sia abbandonata a se stessa,  superando le incrostazioni che si sono prodotte fra istituzioni decentrate e quelle nazionali. Le Regioni non possono temere l’agenzia per un miglior uso delle risorse europee. Basta con i mille rivoli, le logiche clientelistiche che hanno portato o ad una paralisi dell’uso o ad una terribile dispersione”.

Poi, il presidente della Repubblica, affronta anche i temi nazionali.  “Abbiamo superato momento molto più complessi,  supereremo  anche questo momento di crisi. Occorre ricostruire un clima di fiducia. Bisogna in primo luogo che tutte le forze sociali, culturali, politiche del Paese sappiano di avere il dovere di dare fiducia in un’Italia che torni a crescere nel Nord e nel Sud perchè se crescesse solo al Nord l’Italia non andrebbe troppo avanti”.  Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in una videointervista trasmessa oggi nel corso del convegno dei Giovani Industriali in corso a Napoli. Il capo dello Stato si è soffermato anche sulle difficoltà che incontrano le imprese nel loro lavoro quotidiano: “Bisogna procedere allo smantellamento di questa corsa ad ostacoli dei giovani, e non solo dei giovani, che vogliono aprire un’impresa”. Occorre, in pratica, procedere sulla strada della semplificazione. Il presidente della Repubblica ha anche messo in guardia da chi chiede al governo un maggior coraggio nell’affrontare la situazione economica: “Bisogna intendersi sul coraggio. E’ una parola importante che si può prestare a vari usi. Esiste, infatti, anche la categoria del coraggio facile, che può essere usata in maniera molto retorica. Si deve stare attenti al coraggio  poco responsabile”, ha ammonito il capo dello Stato.  “Dinanzi alla Legge di Stabilità – ha aggiunto Napolitano – occorre un atteggiamento critico ma che sia sostenibilmente propositivo e consapevole dei vincoli che non si possono aggirare. Perché quella sarebbe una prova di incoscienza. Non si può dimenticare il fatto che l’Italia sia uscita dalla procedura di deficit eccessivo e che può ricadere”.  Non a caso, ha sottolineato Napolitano, “la caduta dello spread è la conferma che bisogna sì mettere l’accento, in Italia e in Europa, sulla crescita ma non si può pensare che non esista più il problema del consolidamento delle finanze pubbliche”. Un richiamo indiretto a chi continua a sollecitare un taglio delle imposte. “La questione – ha spiegato l’inquilino del Colle – non è quanto è stato stanziato per ridurre il prelievo fiscale sulle imprese e sul lavoro. Ma il problema è vedere nell’insieme su quali risorse possiamo contare senza inventarci coperture fasulle sulla riduzione della spesa dello Stato”. 


Alcuni, anche dall’estero, vedono l’Italia come un morto che cammina”, ma “non crediamo a una catastrofe ineluttabile” e per far crescere l’economia reale serve una “nuova politica industriale che agisca sui nodi che ci hanno fatto perdere competitivita’: dal carico fiscale a quelli piu’ intangibili, come l’incertezza del diritto e dei tempi amministrativi”. Lo dice il presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria, Jacopo Morelli, aprendo il convegno Capri per Napoli. Ci sono “due Italie che coesistono”, rileva Morelli, quella “di chi vuole cambiare il presente e quella di chi vuole soltanto usarlo. Di chi si arrende e di chi resiste. Di chi abbandona e di chi decide di restare e di costruire il domani. Possiamo scegliere quale Italia essere, ma dobbiamo farlo adesso” perche’ “l’errore di non saper cogliere l’attimo e’ irreparabile”. Per Morelli, questi “sono anni difficili, dove molte certezze vengono meno”, l’Italia per alcuni e’ un morto che cammina con “un debito record al 132% del Pil” con “90mila imprese manifatturiere in meno in cinque anni, larga parte della classe politica che agisce con atteggiamenti schizoidi: un giorno sembra di saggezza, l’altro di ordinaria follia”. Ma l’Italia puo’ superare la crisi, secondo Morelli occorre unire “le forze migliori e di chi lavora per costruire anziche’ distruggere” occorre “squarciare con la sciabola della ragione, del coraggio e dell’entusiasmo questa cupa atmosfera e dare un taglio alle peggiori eredita’ del passato: quella che vorrebbe far prevalere il declino morale, economico e istituzionale”
Secca, poi, la bocciatura della manovra economica: “Il governo è stato sordo alle esigenze del Paese reale. Occorre rivedere la legge di stabilità per quanto riguarda il taglio delle tasse sui redditi da lavoro e da impresa. Così non va bene. Siamo stanchi dei vorrei ma non posso”. Per Morelli bisogna scommettere sulla crescita, sui giovani e l’innovazione. “Il prelievo fiscale supera la metà della retribuzione lorda”.

Gli splendidi appartamenti storici della Reggia di Caserta ospitano “Il mestiere delle armi e della diplomazia: Alessandro ed Elisabetta Farnese nelle collezioni del Real Palazzo di Caserta” un’importante rassegna che esalta i Farnese, due carismatiche figure del Rinascimento italiano. 
Si tratta di una celebrazione della famiglia Farnese, stirpe saldamente legata ai Borbone di Napoli, nella figura di Alessandro (Roma, 1545 – Arras, 1592) – straordinario condottiero e “vessillo” della Spagna cattolica del XVI secolo – edElisabetta (Parma, 1692 – Aranjuez, 1766), moglie di Filippo V di Spagna, madre di Carlo di Borbone (il primo dei Borbone di Napoli) e abilissima tessitrice di trame diplomatiche.
La rassegna ruota intorno alle due carismatiche figure principalmente attraverso l’esposizione di dipinti di Ilario Giacinto Mercanti, detto Spolverini che raccontano le “Gesta” di Alessandro Farnese e i “Fasti” raffiguranti i preparativi per le nozze di Elisabetta.
La cura è di Vega de Martini. Presenti una serie di dipinti, nucleo principale della mostra, che fanno parte della vasta collezione ereditata da Carlo di Borbone quando ottenne il Ducato di Parma e Piacenza: le vicende storiche dell’epoca portarono non solo Carlo sul trono del Regno di Napoli, ma segnarono indirettamente anche il destino dell’immenso patrimonio artistico dei Farnese. 
Un nucleo di circa 37 quadri comprendenti i “Fasti di Elisabetta” e alcune “Battaglie”, furono poi trasferiti nel 1859 presso la Reggia di Caserta con la finalità di decorare la costituenda Armeria Reale, un progetto poi non andato in porto. Sono questi i dipinti, che il visitatore potrà ammirare durante il percorso espositivo, a cui saranno affiancate opere provenienti da altri musei come la grande tela recentemente attribuita al pittore Sebastiano Ricci (Belluno, 1659 – Venezia, 1734) raffigurante Alessandro Farnese in trono che accoglie una supplica alla presenza della Fede di pertinenza del Museo Civico di Piacenza; il Ritratto di Alessandro Farnese nell’armatura di Alonso Sánchez Coello (Benifayó, 1531 – Madrid, 1588) della Galleria Nazionale di Parma e il Ritratto di Elisabetta Farnese eseguito da Giovanni Maria Delle Piane detto il Molinaretto (1660 – 1745) del Collegio Alberoni (Piacenza). 
Saranno esposte, inoltre una serie di armature, provenienti dal Museo di Capodiminte, appartenute ad Alessandro nonché antichi volumi di pertinenza della Biblioteca Universitaria di Napoli relativi sia alle imprese guerresche del condottiero Farnese sia ai “Fasti” di Elisabetta. 

info: www.reggiadicaserta.beniculturali.it


CORRIERE DELLA SERA – In apertura: Monti e il Pd agitano il governo. Editoriale di Massimo Franco: Il Paese delle Ombre. Sopra: Processo Stato-mafia Napolitano testimone. Sotto l’apertura il commento: Di nuovo fuoco amico sul premier all’estero. Al centro con foto: Obama promuove l’Italia Letta: adesso avanti così. Sempre al centro: Renzi: una svolta radicale dalla politica alle banche. In taglio basso: Genova, quei prestiti alle grandi famiglie. In un richiamo: L’Eclissi del Diritto con i Teppisti da Stadio.
LA REPUBBLICA – In apertura: Obama: Italia nella direzione giusta. A sinistra: Trattativa Stato-boss I giudici: Napolitano dovrà testimoniare. Sotto l’apertura il retroscena: L’asse tra Barack ed Enrico “Uniti contro i populismi” e Il tramonto di SuperMario che doveva salvare il Paese. Di spalla: Il video del boia nazista ultimo insulto alla memoria. Al centro: Su Telecom l’ipotesi ribaltone. In taglio basso: Brunetta, missione compiuta Rai colpita e affondata.


LA STAMPA – In apertura: Obama vota la fiducia a Letta “L’Italia è sulla strada giusta”. Editoriale di Roberto Toscano: L’Iran si apre ma l’America vorrà capire? Al centro: Stato-mafia, Napolitano teste Cancellieri: decisione inusuale. In un richiamo: Amnistia, il governo prepara il “piano B”. Sempre al centro: “Ho undici senatori contro” E Monti lascia Scelta Civica. In un richiamo: Bondi a Brunetta “Basta barbarie”. In taglio basso il Buongiorno di Massimo Gramellini: Funerali di non è Stato.
IL GIORNALE – In apertura: Decade Monti. Al centro con foto: La vera tv spazzatura? I porno-gossip di Santoro. Editoriale: Doppio ricatto. Sopra: I giudici umiliano Napolitano e risfidano Berlusconi.
IL SOLE 24 ORE – In apertura: Dal 2015 mix di imposte per 10 miliardi. Editoriale di Alberto Orioli: Solo i tagli salvano i conti. Sopra l’apertura: Obama promuove Letta “Italia sulla strada giusta”. Di spalla: Trattativa Stato-mafia: “Sentire Napolitano” Il Colle: valuteremo. Al centro: Riforma dell’Opa. Blitz al Senato. 


IL MESSAGGERO – In apertura: Lite sulla manovra, Monti lascia. Editoriale di Piero Alberto Capotosti: L’immunità del presidente nella guerra toghe-politica. Al centro con foto: Priebke, salma verso Berlino Il video: ho obbedito agli ordini. Sempre al centro: Stato-mafia, Napolitano chiamato a testimoniare. In un riquadro: Caso Fastweb, assolto Scaglia Mokbel condannato a 15 anni. In taglio basso: Missoni, trovati i cinque corpi nelle acque di Los Roques.   
IL TEMPO – In apertura: Napolitano “trattato” da testimone. Editoriale di Gian Marco Chiocci: I fantasmi dietro il Colle. Sopra l’apertura: “Fosse Ardeatine? Non potevo rifiutarmi”. Al centro con foto: Boldrini comparsate a caro prezzo. 
IL FATTO QUOTIDIANO – Ora Napolitano deve dire tutta la verità. Di spalla di Marco Travaglio: Corazzieri & Cancellieri. Al centro il titolo principale: Monti molla la scelta civica Il Pd spara sulla manovra. In taglio basso: Lapo Elkann: “Vi racconto la mia vita con il male”. MF – In apertura: Fastweb, scaglia assolto.


Politica interna
 
Napolitano – Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è stato chiamato a deporre come testimone al processo sulla presunta trattativa tra Stato e mafia. Il Quirinale ha fatto sapere di essere “in attesa di conoscere il testo integrale dell’ordinanza per valutarla nel massimo rispetto istituzionale”. Il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri ha commentato: “La convocazione del presidente della Repubblica mi lascia perplessa: è inusuale”.
 
Monti – Il senatore a vita Mario Monti ha annunciato le sue dimissioni dalla presidenza di Scelta civica, il movimento che ha fondato, e chiederà l’adesione al Gruppo misto del Senato. Monti ha spiegato di essere in disaccordo con 11 dissidenti interni, tra cui il ministro della Difesa Mario Mauro e Pier Ferdinando Casini, per il loro appoggio incondizionato alla legge di Stabilità.
 
Politica estera
 
Letta-Obama – Il presidente del Consiglio Enrico Letta ha incontrato alla Casa Bianca il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, che si è complimentato: “L’Italia sta andando nella giusta direzione con le riforme”. Nel colloquio tra Letta e Obama si è discusso sulla crescita economica e il lavoro, il sostegno al negoziato sul libero scambio tra Unione europea e Stati Uniti, la collaborazione con la Nato e i fronti sensibili del Nord Africa e del Medio Oriente.
 
Germania – La Cdu-Csu della cancelliera Angela Merkel e i socialdemocratici della Spd hanno trovato un’intesa per avviare le trattative sul programma di un governo di grande coalizione. I principali nodi da sciogliere saranno il salario minimo garantito per tutti i lavoratori e l’aumento delle tasse per i redditi più alti.
 
Economia e Finanza
 
Legge di Stabilità – Il governo sta lavorando al testo definitivo della legge di Stabilità per sciogliere gli ultimi nodi che riguardano le clausole di salvaguardia a difesa del raggiungimento degli obiettivi. Secondo le ultime indiscrezioni, la norma dovrebbe essere generica e non si dovrebbe fare cenno a nessun aumento automatico delle accise su benzina e sigarette o riduzioni delle detrazioni Irpef.
 
Fassina – Il viceministro dell’Economia Stefano Fassina ha minacciato di dimettersi dal governo, protestando per essere stato escluso dalle scelte dell’esecutivo sulla legge di Stabilità. Il segretario del Pd Guglielmo Epifani lo ha difeso: “Fassina lamenta la mancanza di collegialità. Credo che abbia ragione”.


E’ stato condannato a 30 anni di reclusione Fabio Furlan, l’unico imputato dell’omicidio di Cristofaro “Cristofer” Oliva, il ragazzo del quartiere Chiaiano di Napoli scomparso nel 2009 e del quale non e’ mai stato ritrovato il cadavere. La sentenza e’ stata emessa dalla Terza corte d’assise, che ha accolto la richiesta del pm Ivana Fulco. Movente dell’omicidio, secondo la ricostruzione dell’accusa, i contrasti nella gestione di una piantagione di marijuana, che i due avevano impiantato nei pressi di casa, e la gelosia per una ragazza della quale entrambi erano invaghiti. Karim Sadek, l’altro amico di Cristofer accusato del delitto, all’epoca del quale non era ancora maggiorenne, era stato invece assolto dall’accusa dal Tribunale dei minori.


 Non batte sul registratore di cassa un acquisto del valore di 35 centesimi e gli viene comminata una multa da 516 euro, poi ridotta a 156. E’  accaduto a un commerciante di Rotondi, in provincia di Avellino. Ai militari ha spiegato che era stata una distrazione, ma questo non è bastato a evitargli la sanzione. L’uomo ha raccontato la vicenda su Facebook, innescando un dibattito. “Non ho fiducia di uno Stato forte con i deboli e debole con i forti”, ha postato sul web l’uomo.

Themify Builder

Maecenas facilisis mauris adipiscing quam porta scelerisque. Vestibulum luctus auctor orci ac facilisis. Aliquam laoreet sed neque sed elementum. Quisque quis lacus at lorem luctus dapibus id at lacus. Phasellus nec interdum ante. Nullam a augue velit. Morbi vel urna pulvinar, cursus arcu vel, iaculis massa. Integer posuere tincidunt mi sed aliquet.Maecenas facilisis mauris adipiscing quam porta scelerisque. Vestibulum luctus auctor orci ac facilisis. Aliquam laoreet sed neque sed elementum. Quisque quis lacus at lorem luctus dapibus id at lacus. Phasellus nec interdum ante. Nullam a augue velit. Morbi vel urna pulvinar, cursus arcu vel, iaculis massa. Integer posuere tincidunt mi sed aliquet.

(altro…)

MacBook Air review

Maecenas facilisis mauris adipiscing quam porta scelerisque. Vestibulum luctus auctor orci ac facilisis. Aliquam laoreet sed neque sed elementum. Quisque quis lacus at lorem luctus dapibus id at lacus. Phasellus nec interdum ante. Nullam a augue velit. Morbi vel urna pulvinar, cursus arcu vel, iaculis massa. Integer posuere tincidunt mi sed aliquet. Aliquam sollicitudin ultricies mi a rhoncus. Etiam urna purus, ultrices eu erat a, fringilla pellentesque tellus. Vestibulum luctus auctor orci ac facilisis. Aliquam laoreet sed neque sed elementum. Quisque quis lacus at lorem luctus dapibus id at lacus. Phasellus nec interdum ante. Nullam a augue velit. Morbi vel urna pulvinar, cursus arcu vel, iaculis massa. Integer posuere tincidunt mi sed aliquet. Aliquam sollicitudin ultricies mi a rhoncus. Etiam urna purus, ultrices eu erat a, fringilla pellentesque tellus.

(altro…)

Google Launches Chrome New Version

Vestibulum luctus auctor orci ac facilisis. Aliquam laoreet sed neque sed elementum. Quisque quis lacus at lorem luctus dapibus id at lacus. Phasellus nec interdum ante. Nullam a augue velit. Morbi vel urna pulvinar, cursus arcu vel, iaculis massa. Integer posuere tincidunt mi sed aliquet. Aliquam sollicitudin ultricies mi a rhoncus. Etiam urna purus, ultrices eu erat a, fringilla pellentesque tellus.Vestibulum luctus auctor orci ac facilisis. Aliquam laoreet sed neque sed elementum. Quisque quis lacus at lorem luctus dapibus id at lacus. Phasellus nec interdum ante. Nullam a augue velit. Morbi vel urna pulvinar, cursus arcu vel, iaculis massa. Integer posuere tincidunt mi sed aliquet. Aliquam sollicitudin ultricies mi a rhoncus. Etiam urna purus, ultrices eu erat a, fringilla pellentesque tellus. Morbi suscipit sapien vitae mi sollicitudin cursus.

(altro…)

Winter Wedding Dress Show

Quisque vehicula molestie turpis dapibus sodales. Sed imperdiet sollicitudin nibh. Quisque fermentum, elit ut pulvinar aliquam, est eros tincidunt diam, ut vehicula eros velit nec massa. Vestibulum non nisi et quam scelerisque interdum in a quam. Phasellus mollis ornare libero sit amet rhoncus. Curabitur non tellus id massa laoreet mollis vitae id sapien. Maecenas euismod nec arcu ac pretium. Cras non vehicula augue. Nulla volutpat sem nisl. Proin euismod sapien ut dignissim mattis. Nulla orci augue, feugiat vitae risus vitae, venenatis vulputate turpis. Sed sed dui porta, varius odio id, pretium erat. Nam purus enim, cursus quis iaculis id, consectetur ut ante. Duis molestie pretium metus, nec dictum neque ultricies ac.

(altro…)

Online Learning, Support and Advice

Sed tempor consequat magna. Duis dictum tincidunt nisl quis ultrices. Donec sollicitudin magna eu nunc aliquet luctus. Vestibulum hendrerit risus neque, eu mollis lectus condimentum non. Nullam nunc dui, gravida at ipsum nec, ultricies aliquet sapien. Vivamus non commodo mi, at ultricies nisl. Nam nec tortor egestas, aliquet lorem vel, semper turpis. In posuere faucibus arcu, sit amet ultricies neque eleifend eu. Donec placerat id elit eu sollicitudin. Phasellus vitae erat suscipit leo euismod faucibus eu sit amet dui. Etiam iaculis nec lectus fringilla sodales. Morbi tincidunt, dolor vel elementum mattis, ante lorem laoreet massa, eu facilisis sem sem at sapien.

(altro…)

Google Glass: What You Need to Know

Morbi ultricies ultricies nibh, quis euismod mauris pellentesque et. Vestibulum luctus auctor orci ac facilisis. Aliquam laoreet sed neque sed elementum. Quisque quis lacus at lorem luctus dapibus id at lacus. Phasellus nec interdum ante. Nullam a augue velit. Morbi vel urna pulvinar, cursus arcu vel, iaculis massa. Integer posuere tincidunt mi sed aliquet. Aliquam sollicitudin ultricies mi a rhoncus. Etiam urna purus, ultrices eu erat a, fringilla pellentesque tellus. Quisque fermentum, elit ut pulvinar aliquam, est eros tincidunt diam, ut vehicula eros velit nec massa. Vestibulum non nisi et quam scelerisque interdum in a quam. Phasellus mollis ornare libero sit amet rhoncus. Curabitur non tellus id massa laoreet mollis vitae id sapien. Maecenas euismod nec arcu ac pretium. Cras non vehicula augue. Nulla volutpat sem nisl. Proin euismod sapien ut dignissim mattis. (altro…)

iOS7 – the Mobile OS from a Whole New Perspective

Morbi augue metus, adipiscing ut mattis vulputate, pulvinar vitae magna. Sed in dignissim sapien. Maecenas vitae dui nisl. Mauris bibendum, neque vitae varius fermentum, nisl ligula dictum ante, et sodales ipsum neque quis sem. Quisque nec tellus et libero sollicitudin egestas. Proin luctus felis ut justo venenatis rutrum. Donec a ultricies sapien. Nulla at sapien leo. Nulla feugiat arcu magna, nec eleifend justo porttitor vel. Quisque fermentum, elit ut pulvinar aliquam, est eros tincidunt diam, ut vehicula eros velit nec massa. Vestibulum non nisi et quam scelerisque interdum in a quam. Phasellus mollis ornare libero sit amet rhoncus. Curabitur non tellus id massa laoreet mollis vitae id sapien. Maecenas euismod nec arcu ac pretium. Cras non vehicula augue. Nulla volutpat sem nisl. Proin euismod sapien ut dignissim mattis.

Movie Awards: See Who’s Nominated

Etiam congue pharetra felis non blandit. In hac habitasse platea dictumst. Mauris interdum egestas eros, sit amet posuere arcu scelerisque pretium. Nullam vestibulum ultrices hendrerit. Duis sed porta arcu, id rhoncus mauris. Vivamus in vestibulum est, et rhoncus augue. Sed ligula massa, scelerisque non pretium a, porta vel lorem.Etiam congue pharetra felis non blandit. In hac habitasse platea dictumst. Mauris interdum egestas eros, sit amet posuere arcu scelerisque pretium. Nullam vestibulum ultrices hendrerit. Duis sed porta arcu, id rhoncus mauris. Vivamus in vestibulum est, et rhoncus augue. Sed ligula massa, scelerisque non pretium a, porta vel lorem. Fusce sit amet nisl porttitor, bibendum quam blandit, luctus neque.

(altro…)