Un nudo dipinto da Amedeo Modigliani nel 1917 e’ stato venduto all’asta da Sotheby’s per 157,2 milioni di dollari. E’ la quarta opera d’arte piu’ cara mai venduta all’asta, anche se e’ rimasta comunque lontana dal record personale dell’artista: i 170,4 milioni di dollari che raggiunse un altro nudo del maestro italiano in un’asta da Christie’s nel novembre 2015. “Nu couche” e’ la piu’ grande opera dipinta dall’artista italiano (89,5 cm per 146,7) ed era parte di una collezione di nudi commissionati a Parigi da Le’opold Zborowski, che custodi’ l’opera fino a quando l’acquisto’ nel 1926 Jonas Netter.

L’opera era stata l’attrazione maggiore della retrospettiva alla Tate Modern a Londra. Zborowski offri’ a Modigliani quindici franchi al giorno per dipingere la serie e le modelle che posarono per l’artista italiano, tutte abbastanza sconosciute, ricevettero cinque franchi. “Nu couche” e’ l’unica tela della serie in cui il soggetto appare in orizzontale in tutta la sua lunghezza, a letto, con la schiena al pittore ma lo sguardo rivolto verso di lui. Il prezzo dell’opera e’ praticamente irrisorio rispetto al quello record raggiunto dal “Salvator Mundi” di Leonardo da Vinci, battuto per 450 milioni da Christie’s il 15 novembre 2017. Dopo il capolavoro attribuito al maestro vinciano, la seconda opera piu’ cara della storia e’ Les Femmes d’Alger (version 0), un olio di Pablo Picasso aggiudicato per 179,4 millioni di dollari nel maggio 2015, sempre da Christie’s a New York. La terza piu’ cara e’ l’altro nudo di Modigliani, “Nu couche'”, seguito da quello venduto nella notte da Sotheby’s a’ New York. “Trois e’tudes de Lucian Freud”, un trittico di Francis Bacon, acquistato nel novembre 2013 per 142,4 milioni di dollari, sempre da Christie’s a New York, e’ la quinta piu’ cara della storia.