Arriva il robot che sa fare la pizza. Ma il suo inventore confessa: non mangerei mai la sua margherita…

Un nuovo robot utilizza il feedback dei sensori per allungare e piegare la pasta:  La pizza è uno degli orgogli di Napoli, soprattutto ora che è diventata patrimonio dell’Unesco. Ma quello che ha ispirato  l’ingegnere Bruno Siciliano non è solo il primo boccone quanto la preparazione. “Preparare una pizza comporta uno straordinario livello di agilità e la destrezza “, dice Siciliano, che dirige un gruppo di ricerca di robotica all’Università di Napoli Federico II. E allungare un oggetto deformabile come a un pezzo di pasta richiede un tocco preciso e gentile. È uno delle cose che gli umani possono gestire, ma i robot non possono ancora. La squadra di Siciliano ha sviluppato un robot abbastanza agile da essere utilizzato anche in questo campo, dall’impasto alla preparazione della pizza, con tanto di impasto e pala per farla scorrere nel forno.

Si chiama RoDyMan (abbreviazione di Robotic Dynamic Manipulation) è un progetto quinquennale supportato da un finanziamento di 2,5 milioni di euro da parte del Consiglio europeo della ricerca. Come un umano chef, RoDyMan deve gettare l’impasto in aria per allungarlo, seguendolo mentre gira e anticipando come cambierà forma. Il bot lo farà debutto nel maggio 2018 al leggendario festival della pizza di Napoli.

RoDyMan ha lavorato questa primavera verso una pietra miliare: lo stretching l’impasto senza strapparlo. Per guidare il robot, la squadra di Siciliano
ingaggiato il maestro pizzaiolo Enzo Coccia per indossare un completo di movimentosensori di localizzazione. “Impariamo i movimenti di [Coccia] e li imitiamo con RoDyMan “, dice Siciliano.

RoDyMan utilizza sensori visivi nella sua testa per tracciare l’impasto in tempo reale tempo. Utilizzando il software, può allenarsi a gestire la pizza come uno chef. Il robot mappa la posizione dell’impasto e tiene traccia di come si muove. Attraverso pratica, il robot può migliorare, proprio come gli umani sviluppano “muscoli” memoria. “I ricercatori sperano che la tecnologia di RoDyMan possa portare a una novità alla generazione di robot che eseguiranno in futuro compiti in modo accurato, precise e reattive. Eppure Siciliano ammette che nulla è paragonabile a uno chef tradizionale. “Io
non mangerebbe mai una pizza fatta da un robot “, dice. “Non avrebbe il gusto un vero pizzaiolo, che nel suo lavoro mette anche la sua anima”

Vai a TOP