“Il M5S con un’interrogazione pose per primo il problema della chiusura e del paventato trasferimento dell’archivio storico dell’Enel da Napoli – spiega Maria Muscarà, consigliere regionale M5S – contrastammo il progetto già deciso e avviato dai vertici Enel coinvolgendo la Soprintendenza”.

 

“Siamo contenti che è iniziato un dialogo tra Ministero, Enel, Regione e Comune di Napoli – sottolinea Muscarà – la ragionevolezza e la collaborazione devono essere il motore per rafforzare e arricchire l’offerta storico artistica della Campania”.

 

“Il M5S rappresenta i cittadini nelle istituzioni – conclude Muscarà – il nostro impegno è volto alla tutela, alla valorizzare e alla fruizione del prezioso patrimonio culturale campano. Il trasferimento dell’archivio storico dell’Enel se realizzato rappresentava solo l’ennesimo scippo culturale dalla nostra regione”.