In scena a IL PICCOLO dal 25 al 27 marzo

Forse non tutti sanno che “Sogno di una notte di mezza sbornia” è una commedia teatrale del 1936. E l’autore è nientedimeno che… Eduardo De Filippo.

Protagonista è Pasquale Grifone, napoletano, vive in un basso con la sua famiglia.

Riceve in sogno la “visita” di Dante Alighieri. Il sommo poeta suggerisce all’uomo, annebbiato dai fumi dell’alcol, quattro numeri da giocare al lotto

Tutto bene? Anche no, perché l’Alighieri segnala che essi rappresentano anche la data della sua morte, che avverrà poco dopo la vincita milionaria. 

L’uomo inizia a comportarsi in una strana maniera: attende con trepidazione l’estrazione dei numeri, arrivando anche a far licenziare suo figlio Arturo nell’entusiasmo.

Al tempo stesso, tuttavia, teme che la predizione si riveli giusta anche sulla data della sua dipartita. Dopo poco tempo, come aveva predetto Dante, i numeri vengono effettivamente estratti e Pasquale vince una somma considerevole: la felicità dell’uomo è però offuscata dalla profezia della sua morte…

Il resto? Non si può scrivere, per non rivelare in anticipo la trama.

Possiamo però dire che l’opera è allestita in vista delle tre giorni di spettacoli al teatro IL PICCOLO (venerdì 25-sabato 26-domenica 27 marzo 2022) con la regia di Gennaro De Lucia e interpreti scelti fra i numerosi soci che frequentano il circolo Ilva di Bagnoli, non nuovo all’utilizzo del teatro come forma di intervento nella promozione della coesione sociale del quartiere flegreo. 

Le scene sono di Massimo Malavolta, i costumi del Laboratorio circolo Ilva. 

Per info chiamare il 3510740545 – 320 4435044

Di Claudio D'Aquino

Claudio D'Aquino, napoletano, giornalista e comunicatore di impresa