Anziano spinto sugli scogli, i minorenni non volevano rapinare

Non volevano rapinarli, ma solo fargli fare un bagno fuori stagione. Il giudice ha creduto alla versione dei due minorenni, riqualificando in omicidio preterintenzionale l’accusa nei loro confronti per la morte del 77enne Giuseppe Dibello, spinto lo corso 2 maggio da una scogliera a nord di Monopoli (Bari) insieme con l’amico 75enne Gesumino Aversa, sopravvissuto alla caduta in mare. Il gip del Tribunale per i minorenni di Bari Riccardo Leonetti ha depositato questa mattina il provvedimento di convalida dei fermi dei due ragazzi, di 15 e 17 anni, e ha contestualmente emesso un’ordinanza di custodia cautelare confermando per entrambi la detenzione nell’istituto minorile Fornelli di Bari. I due ragazzi, difesi dagli avvocati Giuseppe Carbonara e Giuseppe Sardano, sono stati interrogati ieri mattina ed entrambi hanno raccontato di aver voluto fare uno scherzo ai due anziani. Con questo scopo il 17enne li avrebbe presi di sorpresa alle spalle spingendoli in acqua. Le cose, pero’, sono andate diversamente. Nella caduta Dibello ha urtato sulle rocce, ha perso i sensi e poi e’ morto annegato, mentre il suo anziano amico e’ riuscito a salvarsi.

Vai a TOP