Allarme dei costruttori: lo split payment affonda le imprese

Altro che Stati generali dell’Economia: se
veramente dovesse essere confermata la richiesta che il governo
nazionale avrebbe avanzato in Europa per prorogare lo split payment –
cioè la trattenuta dell’Iva da parte delle Pubbliche amministrazioni
quando pagano alle imprese appalti e forniture – sarebbe l’ennesima
dimostrazione di una volontà ormai evidente di caricare sulle attività
produttive i costi della pandemia”. Lo afferma Santo Cutrone,
presidente di Ance Sicilia, che aggiunge: “Il fatto drammatico è che
in Sicilia la proroga dello split payment oltre il 30 giugno
equivarrebbe a fare chiudere le imprese edili, da anni oppresse dalla
carenza di appalti, senza soldi a causa del ‘lockdown’, in attesa di
ricevere la cassa integrazione che hanno dovuto anticipare al
personale e della liquidità garantita dallo Stato che tarda ad
arrivare dalle banche, e obbligate a sostenere i costi della messa in
sicurezza sanitaria dei cantieri. In più, va detto che, a differenza
del resto del Paese, dove già i rimborsi Iva arrivano con 63 settimane
di ritardo contro la media Ue di 16, in Sicilia i crediti Iva vengono
rimborsati anche dopo anni”.
“Diversamente da quanto il governo aveva promesso – aggiunge Cutrone –
finora non una sola misura è stata varata per sostenere le imprese
edili in questo gravissimo momento di difficoltà. E a partire da
questo mese si abbatte pure una lunga serie di scadenze fiscali che
non siamo in grado di rispettare. Se questo è lo spirito che anima il
governo negli Stati generali dell’Economia che si aprono domani,
allora possiamo immaginare il risultato. Ma noi non intendiamo
rassegnarci”.
“Sono anni – sottolinea Santo Cutrone – che ci battiamo per
l’eliminazione di questa norma ingiusta che drena 2,5 mld all’anno
alle imprese con la scusa che si vuole combattere l’evasione. In
realtà il controllo sui versamenti ora è possibile tramite la
fatturazione elettronica. Quindi chiedere la proroga dello split
payment, che 5 anni fa per Bruxelles avrebbe dovuto avere carattere
transitorio, è solo un altro modo per fare cassa subito a danno delle
imprese trasparenti”.
“Al governo e al Parlamento nazionali – conclude Cutrone – chiediamo
un atto di equità e giustizia: eliminare le diseguaglianze nella
gestione delle risorse pubbliche per l’emergenza, dividendo equamente
fra le imprese e fra i beneficiari delle varie misure di welfare
assistenziale sia i prelievi per fare fronte ai problemi di cassa
dello Stato, sia le erogazioni di risorse a fondo perduto. Invece la
proroga dello split payment sarebbe una terribile mazzata. Non avremmo
mai potuto immaginare che, ancor più in queste condizioni, il prelievo
sarebbe stato prorogato da questo governo oltre il 30 giugno, quando
tutti ritenevamo invece che questa data sarebbe stata la sua fine
naturale”.

Go to TOP