Al via i saldi, prevista una spesa media a famiglia di 325 euro

Interessano oltre 15 milioni di famiglie, muovono in totale 5,1 miliardi di euro, con una spesa media a famiglia di 325 euro, circa 140 euro pro capite: sono questi, secondo le stime dell’Ufficio Studi Confcommercio, i numeri dei saldi invernali che partono domani in Basilicata e Sicilia, dopodomani in Valle d’Aosta e dal 5 gennaio in tutte le altre regioni. Secondo Renato Borghi, presidente di Federazione Moda Italia, “saranno saldi – euro piu’ euro meno – in linea con quelli dello scorso anno, ma avranno la straordinaria opportunita’ di risvegliare i consumi.

I consumatori”, sottolinea in una nota, “potranno cosi’ tornare a trovare ‘vere’ occasioni nei nostri negozi; noi commercianti potremo affrontare piu’ sereni le prossime scadenze; le vie ed i centri dei nostri Comuni avranno l’opportunita’, offerta dalla moda, per rianimarsi. Rinsaldare le relazioni con i clienti all’insegna della trasparenza del rapporto prezzo/qualita’ e della fiducia, con professionalita’ e servizio offerti nei negozi di prossimita’. Questo e’ il ‘mood’ che caratterizza questo particolare momento di vendite”. Il 2018, prosegue Borghi, “si e’ chiuso senza botti e con molte preoccupazioni per i commercianti che si vedono schiacciati da consumi che non decollano, concorrenza sleale del ‘wild’ web, costi incomprimibili e tasse sempre piu’ asfissianti.

Bene dunque l’aver sterilizzato per questo 2019 l’incremento di 2,2 punti percentuali dell’Iva che sarebbe schizzata dal 1 gennaio al 24,2%, ma occorre molto di piu’ per rilanciare la nostra economia a partire dall’eliminazione delle clausole di salvaguardia che invece sono incrementate per valore, la riduzione del costo del lavoro e la previsione di una web tax per i colossi del web, vista la difficolta’ di avere un’univoca norma comunitaria”.

Da Confcommercio arriva anche una serie di suggerimenti per il corretto acquisto degli articoli in saldo:

– Cambi: la possibilita’ di cambiare il capo dopo che lo si e’ acquistato e’ generalmente lasciata alla discrezionalita’ del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n. 24/2002). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso cio’ risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore e’ pero’ tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

– Prova dei capi: non c’e’ obbligo. E’ rimesso alla discrezionalita’ del negoziante.

– Pagamenti: le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante.

– Prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso.

– Indicazione del prezzo: obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.

Go to TOP