Al via a Messina la terza tappa del Festival dello Stretto

E’ stata inaugurata a Messina, la terza e ultima tappa del Festival dello stretto “Morgana vede”, a cura di Elmar Elisabetta Marcianò e dell’architetto Giovanna Vadalà.

Il festival itinerante che ha preso il via dalla città di Reggio Calabria e ha visto il coinvolgimento attivo della Caronte & Tourist,  approda a Messina con l’allestimento di una mostra di arte contemporanea dedicata allo Stretto, insieme  alla realizzazione di un programma convegnistico di interesse storico, scientifico, ambientale, naturalistico, paesaggistico e mitologico.

Il progetto sostiene, infatti, la crescente domanda di sviluppo turistico attraverso un sistema capace di interconnettere tutti gli aspetti e le enormi potenzialità territoriali ancora inespresse.

“Morgana vede”, contribuisce a rafforzare l’immagine di Reggio Calabria e di Messina rivolgendosi ai suoi abitanti, nel tentativo di ridestare in loro la consapevolezza dello straordinario valore di cui sono custodi, ma vuole soprattutto coinvolgere ed attrarre i tanti turisti offrendo loro spazi, contenuti e la grande bellezza che giace nelle acque dello Stretto, nelle pieghe della terra e nelle sfumature dorate del cielo.

Tra gli artisti protagonisti del festival anche l’art influencer  Petra Scognamiglio, pittrice impegnata sul fronte della divulgazione artistica attraverso i social network e Filippo Malice, scultore e professore dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria.

Share this post