Al Taormina Film Fest omaggio a Lucio Dalla

Al Taormina Film Fest omaggio a Lucio Dalla

La terza serata del TAORMINA FILM FEST inizia con l’omaggio di Marco Morandi a Lucio Dalla cantando: “ LA SERA DEI MIRACOLI” , dopo aver ricordato il grande affetto e l’amicizia che lo legava a Dalla saluta il numeroso pubblico presente, con un omaggio stavolta a colui che l’ha voluto fortemente in questa manifestazione G. Casadonte(uno dei due direttori artistici) dedicandogli :” A MANO A MANO” , canzone scritta da R. Cocciante ma riportata al successo da R. Gaetano, altro artista al quale Morandi è molto legato.
Si prosegue con l’assegnazione del Primo TAOAWARD della serata, ideato da Michele Affidato, consegnato al Regista e produttore PHILLP NOYS dalla moglie e regista SVETIANA CVETKO. PHILLP ha un rapporto speciale con la Perla dello Jonio perché il suo primo film è stato presentato proprio qua 41 anni fa, poi è tornato nel 2002 ed infine stasera con il bellissimo film, da lui prodotto con l’ITALIA INTERNATIONAL FILM in coproduzione con la RAI, “ SHOW ME WHAT YUO”

Secondo TAOAWARD al Produttore Italiano ma di livello INTERNAZIONALE FULVIO LUCISANO, per lui salgono sul palco G. Casadonte , L. Chiechio(Organizzatore del Festival attraverso VIDEOBANK) ed il regista M. Calopresti che premierà il suo amico e produttore.Casadonte ricorda che vent’anni fa quando studiava alla Sapienza di Roma e già organizzava Eventi per gli studenti aveva pensato ad un incontro con Calopresti con uno dei suoi film più belli: “ IL RUMORE DEL MARE” e ora che Taormina Arte e Chiechio gli hanno dato la possibilità di essere il Direttore Artistico insieme a S. Bizio Del Festival, sapendo che Calopresti aveva da poco finito il Film “ASPROMONTE”ha fatto di tutto per averlo , il film ambientato in un piccolo paesino dell’Aspromonte di nome AFRICO, è una bellissima dedica di 2 calabresi(Regista e Produttore) alla gente di Calabria e ai loro padri, “è una grande storia” dice il regista, “con la quale abbiamo voluto raccontare gli ultimi, quelli che ancora hanno il valore dei padri, che hanno la poesia dentro e qualcosa da dire, raccontando loro raccontiamo noi stessi quello che siamo e che vogliamo essere. Lucisano dopo 60 anni di lavoro ha la passione ancora molto viva per il cinema, a Taormina si fa prendere dai ricordi pensando al lontano 1937 quando suo zio, Medico di San Giovanni lo conduceva nella splendida cittadina e dopo aver raccomandato agli spettatori di andare nelle sale a vedere i film viene congedato dalla frizzante conduttrice delle serate al T. Greco Carolina Di Domenico che ci da appuntamento a domani.

Share this post