Agguato a Bari, ucciso un 33enne ai domiciliari

Indagini a tutto campo per far luce sull’omicidio, ieri sera a Bari, di un uomo di 33 anni, Fabiano Andolfi, ucciso a colpi di pistola nell’abitazione dove scontava una condanna per rapina agli arresti domiciliari. L’agguato e’ avvenuto in via Baracca, al quartiere Carrassi, in casa dei nonni della vittima, davanti agli anziani parenti. Secondo una ricostruzione, due persone, fingendosi appartenenti alle forze di polizia, hanno bussato alle 20,45 simulando un controllo in casa del detenuto, e hanno subito sparato contro l’uomo, morto nel giro di pochi minuti. I carabinieri hanno eseguito i rilievi tecnici a caccia di eventuali tracce dei sicari, e in nottata hanno eseguito perquisizioni e controlli negli ambienti della criminalita’ della zona. Andolfi era stato arrestato nel 2011 per alcune rapine, porto e detenzione di armi da fuoco e condannato ad otto anni, e stava scontando un residuo della pena nell’abitazione dei nonni.

Vai a TOP