Aerospazio, Eurosme: firmati i primi accordi di riservatezza e partnership

La Fase1 e la Fase2 dell’emergenza COVID-19 non hanno fermato le attività del progetto dedicato al settore dell’aerospazio EACP-EUROSME che segna passi in avanti di rilievo. Le attività di lavoro sono proseguite in modalità smart working attraverso webinar in cui i Distretti aerospaziali coinvolti hanno stimolato l’avvicinamento delle PMI delle sei regioni europee interessate ai grandi temi di sviluppo e investimento sul piano europeo. Sono state interessate 650 PMI di cui oltre 100 attivamente coinvolte, così come circa 50 cluster e 6 regioni europee. Un percorso che porterà entro il prossimo 30 settembre allo sviluppo di progetti di innovazione tecnologica per un valore complessivo di 20 milioni di euro, pronti per essere finanziati da soggetti pubblici o privati, contribuendo agli obiettivi della Commissione Europea di crescita, occupazione e investimenti in Europa.

Sono 12 i progetti che stanno riscuotendo il maggiore interesse delle PMI delle diverse regioni europee nelle aree tematiche specifiche: “Aereo del futuro” (propulsione ibrida e business jet super/ipersonico); Industria 4.0 (Digitalizzazione di processi di manifattura, Manutenzione aerea avanzata e Competitività grazie all’economia circolare); Tecnologie dell’Osservazione (Nanosatelliti, Sistemi di sorveglianza remota di infrastrutture strategiche e Agricoltura di precisione con dati satellitari); UAV (UAV cargo, sistemi di terminazione del volo e Mobilità aerea urbana).

A oggi sono stati firmati tre Accordi di Riservatezza e sono state presentate 4 proposte di finanziamento nell’ambito dei bandi della Commissione Europea per un valore complessivo di oltre 19 M€. Di queste proposte, tre sono a leadership del Distretto Aerospaziale della Campania (DAC): S4W – Sustainable Silent Supersonic Aviation for a Smaller World, ABOVE – Enhanced Urban Air Mobility Services, CONSCIOUS – Cross-cluster collaboration for promoting circular economy and competitiveness of European SMEs in the aerospace, automotive and construction sectors.

È stata inoltre avviata la mappatura degli Innovation Hub e dei centri di ricerca, nell’ottica di aggregarli ai singoli progetti proposti ed in fase di messa a punto da parte di PMI con il supporto dei Distretti. A supporto delle attività di progetto, è stato avviato l’utilizzo di una nuova piattaforma digitale sviluppata da DAC per facilitare l’associazione tra progetti, PMI e opportunità di finanziamento. L’elemento base per favorire tale associazione è l’uso delle tassonomie europee dei settori aeronautico (ACARE, Advisory Council for Aeronautics Research in Europe), spaziale (ESA, European Space Agency) e difesa (WEAG, Western European Armaments Group).

“Crediamo nell’Europa e stiamo perciò offrendo la nostra attenzione ed attività all’EACP”, ha detto il Presidente del DAC, Luigi Carrino. “Il progetto EUROSME si colloca in questo quadro e siamo contenti di come si sia sviluppato producendo risultati interessanti. Si tratta di un progetto pilota al quale lavoriamo in modo che possa essere prodomo di un ‘modus operandi’ dei distretti di EACP a favore delle PMI aerospaziali, specie verso una nuova vita dopo COVID-19”

Scheda EACP-EUROSME

Il progetto EACP-EUROSME, “Azioni di specializzazione intelligente tra cluster aerospaziali per la competitività delle PMI con approccio orientato all’economia circolare”, è finanziato dal programma COSME dell’Unione Europea e si svolge sotto il coordinamento del distretto aerospaziale campano, DAC. Gli altri cluster partecipanti sono Hamburg Aviation (Germania), Moravian Aerospace Cluster (Repubblica Ceca), Tecnologie per l’Osservazione della Terra ed i Rischi Naturali (Basilicata), Aerospace Valley (Francia), North West Aerospace Alliance (Regno Unito).

L’obiettivo finale di EACP-EUROSME è realizzare almeno 4 progetti di innovazione tecnologica per un valore complessivo di 20 milioni di euro, pronti per essere finanziati da soggetti pubblici o soggetti privati, contribuendo in tal modo agli obiettivi della Commissione Europea di stimolare la crescita, l’occupazione e gli investimenti in Europa, come espresso nella Carta del partenariato ESCP-S3.

I distretti partecipanti ad EACP-EUROSME rappresentano 938 PMI; 105 di queste sono state valutate in termini di caratteristiche e capacità di innovazione aziendale; più di 100 sono state coinvolte nella fase di scouting di nuovi progetti; oltre 650 sono state informate degli sviluppi dell’attività.

Il progetto di innovazione EACP-EUROSME ha consentito fin qui di individuare le aree prioritarie di comune interesse tra le Strategie di Specializzazione Intelligente delle regioni rappresentate: Aereo del futuro, Industria 4.0, UAV, Tecnologie dell’Osservazione. Nel mese di Ottobre dello scorso anno è stato organizzato un evento di matchmaking tenutosi a Preston (Regno Unito) in cui EACP-EUROSME è stato presentato nell’ambito del programma NATEP (National Aerospace Technology Program) Showcase & Networking, durante il quale si sono tenuti quattro webinar sulle aree prioritarie comuni identificate.  Su tale base, sono stati pre-selezionati 52 potenziali progetti proposti da PMI.

È stata in effetti studiata e definita una metodologia di coinvolgimento che rappresenta un quadro per alimentare con continuità una pipeline di potenziali progetti per lo sviluppo di partenariati di PMI. Questa metodologia è stata illustrata all’Assemblea Generale dell’EACP (European Aerospace Cluster Partnership) a Torino nel mese di novembre con l’obiettivo di ampliarla all’intera partnership e di trarre beneficio a lungo termine dai fondi pubblici europei assegnati al progetto EACP-EUROSME. La metodologia è stata presentata e discussa lo scorso 17 febbraio negli uffici della Regione Campania a Brussels, in presenza del Project Officer dell’Agenzia Europea per le PMI, EASME.

Go to TOP