Accadde oggi. 13 novembre 2009: scoperta l’acqua sulla luna

Sarà possibile colonizzare la Luna come anticipato da diversi romanzi e film di fantascienza uno dei più celebri dei quali è senz’altro “2001 odissea nello spazio?”. La risposta affermativa appare un po’ più probabile dal 13 novembre 2009, ovvero dal giorno in cui la Nasa, l’ente spaziale americano, ha annunciato i risultati della missione di una sonda inviata sul satellite per rilevare la presenza dell’acqua, confermando l’esistenza di depositi di ghiaccio nei pressi del Polo Sud lunare. Il preziosissimo elemento potrà quindi in futuro essere estratta da generatori ad energia solare. Si tratta di un dato di fondamentale importanza nell’ipotesi di un insediamento umano sul corpo celeste, in quanto il trasporto dalla Terra è estremamente costoso al punto da renderlo, di fatto, allo stato attuale della tecnologia impraticabile. Più di recente, nel 2011, un nuovo studio ha inoltre evidenziato che la percentuale di acqua presente nella Luna (che potrebbe essere contenuta al suo interno e derivare dalla sua formazione) potrebbe addirittura essere simile a quella terrestre e quindi i depositi rilevati potrebbero essere stati generati dalle eruzioni magmatiche del passato.

Vai a TOP