accadde nel Sud

 

cardinale-ruffo7 FEBBRAIO 1799, IL CARDINALE RUFFO SBARCA IN CALABRIA

Il cardinale Fabrizio Ruffo sbarca il 7 febbraio in Calabria con l’assenso regio e pochi compagni, riuscendo a costituire in poco tempo un’armata popolare (l’Esercito della Santa Fede) e a impadronirsi rapidamente della regione e quindi della Basilicata e delle Puglie. Nell’esercito di Ruffo militarono anche diversi briganti come Fra Diavolo, Panedigrano, Mammone e Sciarpa, che si distinguono con metodi feroci e sanguinari, tant’è che lo stesso Ruffo ne rimane amareggiato e non riusce a placare del tutto la loro efferatezza.

 

Foto Hitler a Napoli 19488 FEBBRAIO 1988, ASTA PER L’AUTO CHE TRASPORTÒ HITLER A NAPOLI

Scarrozzò per le strade di Napoli, nel lontano maggio del ‘ 38, nientemeno che Hitler e Mussolini insieme. Servì per trasportare, da Roma a Napoli, qualche anno più tardi, il tesoro di San Gennaro. L’Alfa Romeo, una 12 cilindri modello presidenziale, sarà messa all’ asta dal Comune di Napoli, che nemmeno sapeva di esserne il proprietario. Giaceva infatti, prima che gli impiegati del Patrimonio la catalogassero come bene dell’ ente locale, tra centinaia di suppellettili senza storia e ciarpame vario in un vecchio, umido deposito della nettezza urbana in via Domenico Morelli….

 

generale Massena9 FEBBRAIO 1806, L’ESERCITO FRANCESE INVADE IL REGNO DI NAPOLI

Il 9 febbraio 1806, il maresciallo Massena, comandante dell’armata francese in Italia. invade il Regno di Napoli, ma già il 23 gennaio il re Ferdinando IV con la corte erano fuggiti in Sicilia, dove i britannici si erano solidamente stabiliti

 

maxiprocesso Palermo10 FEBBRAIO 1986, COMINCIA IL MAXI-PROCESSO DI PALERMO. Durò dal 10 febbraio 1986 (giorno di inizio del processo di primo grado) al 30 gennaio 1992 (giorno della sentenza finale della Corte di Cassazione). Tuttavia spesso per maxiprocesso si intende il solo processo di primo grado, durato fino al 16 dicembre 1987. Il maxiprocesso deve il proprio soprannome alle sue enormi proporzioni: in primo grado gli imputati erano 475 (poi scesi a 460 nel corso del processo), con circa 200 avvocati difensori. Il processo di primo grado si concluse con pesanti condanne: 19 ergastoli e pene detentive per un totale di 2665 anni direclusione. Dopo un articolato iter processuale tali condanne furono poi quasi tutte confermate dalla Cassazione. A quanto è dato sapere, si tratta del più grande processo penale mai celebrato al mondo.

 

ferdinando-II11 FEBBRAIO

1848, FERDINANDO II PROMULGA LA COSTITUZIONE. I fatti di Palermo provocarono una analoga insurrezione costituzionale a Napoli, il 27, che costrinse, due giorni dopo, Ferdinando II a concedere nuovamente la Costituzione, promulgata l’11 febbraio

 

12 febbraio

1737, Si inaugura il Teatro San Carlo di Napoli. Costruito a fianco del Palazzo Reale, per volere di Carlo III di Borbone, su disegno di Giovanni Antonio Medrano, il San Carlo è il più antico teatro lirico attivo in Europa. Dotato di 3.500 posti, con cinque ordini di palchi e con una ottima acustica, il San Carlo ha ospitato, nella sua storia, molte prime, tra cui il Mosè in Egitto di Rossini, la Lucia di Lammermoor di Donizetti e la Luisa Miller di Verdi.

 

13 febbraio

1503, A Barletta, avviene la famosa “Disfida” fra 13 cavalieri francesi e 13 italiani, che si battono e vincono per vendicare l’offesa di un francese che ha definito codardi gli italiani. Ettore Fieramosca è a capo dei soldati italiani. La Disfida di Barletta, trasformata e arricchita, nei secoli, di particolari fantasiosi, è in realtà un evento storico, che ha segnato l’inizio della dominazione spagnola nel meridione d’Italia.

 

Giuseppe bonaparte14 FEBBRAIO

1806, I FRANCESI ENTRANO DI NUOVO A NAPOLI. Il 14 febbraio 1806 i francesi entrarono di nuovo a Napoli. Napoleone dichiarò decaduta la dinastia borbonica e proclamò suo fratello Giuseppe Bonaparte Re di Napoli. Egli regnò dal 1806 al 1808, quando Napoleone lo proclamò Re di Spagna.

15 FEBBRAIO

1898, NASCE TOTÒ.  Antonio De Curtis, decisamente più conosciuto come Totò, nasce a Napoli il 15 febbraio 1898. La madre, Anna Clemente, lo registra all’anagrafe come Antonio Clemente e nel 1921 sposa il marchese Giuseppe De Curtis che successivamente riconosce Antonio come suo figlio.

16 FEBBRAIO

1848, L’ESERCITO BORBONICO ABBANDONA LA SICILIA – In seguito alla rivolta siciliana in atto da oltre un mese, l’esercito borbonico guidato dal generale De Majo è costretto ad abbandonare la città di Catania e a ritirarsi dalla Sicilia

 

giordano bruno ucciso a Roma17 febbraio

1600 – GIORDANO BRUNO UCCISO A ROMA – Assertore di una filosofia panteistica che identifica nell’infinità dell’Universo la grandezza di Dio, il filosofo Giordano Bruno, nato a Nola nel 1548, fu perseguitato dalla Chiesa, deferito al tribunale dell’Inquisizione e condannato al rogo il 17 febbraio 1600 nella piazza di Campo dei Fiori a Roma.

1440 – il re Alfonso, per autorità propria, legittimò e dichiarò suo erede al trono di Napoli il figlio naturale Ferdinando.

 

18 febbraio. Armistizio di Foligno

19 FEBBRAIO 1953, NASCE MASSIMO TROISI. Massimo Troisi nasce a San Giorgio a Cremano il 19 febbraio 1953. Attore, regista e sceneggiatore italiano, ricordato soprattutto per essere stato l’esponente della nuova comicità napoletana (portata alla ribalta dal gruppo teatrale La Smorfia nella seconda metà degli anni settanta), assieme a Lello Arena ed Enzo Decaro. Nel 1996 fu candidato ai premi Oscar come miglior attore e miglior sceneggiatura non originale per il film Il postino. Scomparve prematuramente, a quarantuno anni, per un fatale attacco cardiaco, conseguente a febbri reumatiche di cui soffriva sin dall’età di dodici anni.

 20 febbraio 1698 – nasce Bernardo Tanucci:  è stato un politico italiano; uomo di fiducia del re di Napoli Carlo di Borbone e di suo figlio Ferdinando IV, occupò le cariche di segretario di Stato della Giustizia e Ministro degli Affari esteri e della Casa Reale

25 febbraio
2008 – a Gravina in Puglia vengono trovati in una cisterna di una casa abbandonata nel centro storico, i corpi mummificati di Francesco e Salvatore Pappalardi, scomparsi il 5 giugno 2006 e probabilmente morti di fame e di freddo.

Nati