A un anno da Expo 2020 Dubai a Matera si alza il sipario sul Padiglione Italia

A un anno da Expo 2020 Dubai a Matera si alza il sipario sul Padiglione Italia

Tra un anno, il 20 ottobre del 2020, sarà inaugurata all’Esposizione Universale di Dubai. E per L’Italia e i suoi “territori e saperi” si avvicina un momento irripetibile, rappresenterà un’occasione unica di promozione del Sistema Paese.
Domenica scorsa, per celebrare questo countdown, alla Cava del Sole di Matera, la Capitale Europea della Cultura 2019, è stato presentato, per la prima volta, da architetti e project designer il Padiglione del nostro paese a Expo 2020 Dubai.
All’evento di presentazione del Padiglione hanno partecipato il Ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale Luigi Di Maioe il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Lorenzo Fioramonti. Interviene Sua Altezza il Ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti, Sceicco Abdallah Bin Zayed Al Nahyan.I rappresentanti di alcune delle aziende partner tecnici e sponsor del Padiglione Italia hanno spiegato le ragioni della loro partecipazione a Expo 2020. All’evento prendono parte anche più di 200 studenti in rappresentanza delle scuole di tutto il Paese. I ragazzi sono stati impegnati in questi giorni a Matera in una ‘maratona progettuale’ sugli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Il Ministro Fioramonti ha presentato 12 progetti di eccellenza sui temi dell’innovazione e della sostenibilità per Expo 2020 individuati dal MIUR.

La partecipazione dell’Italia dedicata al tema “La bellezza unisce le persone” (“Beauty connects people”) rappresenterà un’occasione unica di promozione del Sistema Paese. L’Italia farà infatti della sua presenza anche una leva di diplomazia culturale, economica e scientifica verso gli Emirati Arabi Uniti e l’intera area “MENASA” (Medio Oriente, Africa del Nord, Asia Meridionale) attraverso un percorso che vede protagonisti numerosi partner nazionali e i principali stakeholder del mondo accademico, della ricerca, della cultura e dell’arte, delle industrie culturali e creative, dello sport, dei media, della musica, nonché con le grandi e medie realtà imprenditoriali pubbliche e private. Il Padiglione italiano, situato a poca distanza da quello degli EAU sulla ‘cultural spine’ del sito di Expo, offrirà una memorabile esperienza immersiva agli oltre 5 milioni di visitatori da noi attesi.
Il padiglione, che si estende su una superficie di 3.500 metri quadri e si eleva su quasi 27 metri di altezza, si basa su un approccio circolare all’architettura, con gli scafi di tre imbarcazioni convertiti nel tetto dell’area espositiva per la durata dell’Expo.Il progetto mira a integrare materiali sostenibili – come bucce d’arancia, fondi di caffè, funghi e plastica riciclata raccolta anche nell’Oceano – che vengono utilizzati in modo innovativo come elementi di costruzione.L’archittetto Carlo Ratti, socio fondatore dell’omonimo studio vincitore della gara di progettazione del Padiglione Italia in RTP con Italo Rota Building Office, F&M Ingegneria Matteo Gatto & Associati nonché direttore del MIT Senseable City Lab presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT):
“Abbiamo perseguito un tipo di architettura che potrebbe essere riconfigurata sia a lungo termine – grazie alla sua circolarità – sia a breve termine – grazie alle tecnologie digitali”.


Italo Rota, socio fondatore di Italo Rota Building Office:
“Il padiglione è di natura circolare. Nulla va sprecato; al contrario, lo rivendichiamo e reimmaginiamo il suo scopo.”

Davide Rampello, direttore artistico della Rampello&Partners e project designer del Padiglione Italia:
“La Bellezza Unisce le Persone.Nelle tre parole del titolo è racchiusa tutta la sintesi della narrazione che vogliamo portare con il Padiglione Italia. Bellezza: Leonardo diceva che “ogni nostra cognizione principia da sentimenti”, ed è esattamente dal senso di “bellezza” intesa come sentimento e non come valore estetico che abbiamo deciso di partire per il racconto del nostro Paese, un racconto che passa necessariamente dalle emozioni per restare memorabile. Connessione: è il tema generale dell’Expo di Dubai, ‘Connecting Minds’, ed è ciò che sta alla base della condivisione dei nostri valori, della nostra identità.
Persone: gli uomini, gli Italiani. Saranno loro i veri protagonisti: le loro eccellenti storie di innovazione, creatività, progettualità.”

Il Padiglione Italia sarà un vero e proprio “giardino di storie”: giardino poiché metaforicamente sintesi di tanti elementi differenti che insieme creano un linguaggio di equilibrio e armonia, una proiezione dell’ordine dell’universo.
Il percorso espositivo è stato immaginato come il viaggio di uno sguardo. Uno sguardo che parte dall’alto, dalla insolita visione di un affaccio panoramico – come facevano i viaggiatori del Grand Tour, che erano soliti ammirare la meraviglia dei paesaggi italiani sempre dai punti più alti – e accompagna il visitatore attraverso un percorso di architetture narrative: dal Belvedere, luogo da cui si vede il bello, – una finestra ottagonale sui più suggestivi paesaggi d’Italia – passando per le Short Stories- spazio dedicato a “racconti brevi” espositivi e cinematografici sui temi delle eccellenze dei saperi e del saper fare italiano – e l’Osservatorio dell’Innovazione– un orizzonte immersivo sulle ultime frontiere della ricerca italiana sui temi dello spazio e delle acque – fino ad arrivare al Teatro della Memoria, dedicato appunto alla madre di tutte le muse.
Attraverso gallerie dorate di mosaici di ispirazione bizantina il viaggio dello sguardo si conclude ritornando sugli occhi dell’opera che forse più di ogni altra metaforizza l’eccellenza della cultura e dell’arte italiana nel mondo: il David di Michelangelo. Copia a grandezza naturale posizionata all’interno di una struttura lignea ispirata ai teatri rinascimentali, il David offrirà la possibilità di essere guardato negli occhi e non dal basso, come di consueto, per permettere una prospettiva che è anche introspettiva ed emozionante, la memoria di ciò che siamo proiettata verso il futuro.


Il Politecnico di Milano, che cura i contenuti scientifici dell’Osservatorio dell’Innovazione, è partner del Padiglione Italia per Expo 2020 Dubai. Il Politecnico, che il QS World University Ranking by Subject classifica tra i migliori 20 atenei in tutte le aree di competenza, svilupperà i contenuti delle ricerche di avanguardia in Italia con un riferimento particolare alla sostenibilità e all’attenuazione dell’inquinamento ambientale. Il Politecnico ha anche partecipato al Project Design del Padiglione finalizzando i contenuti e gli allestimenti dedicati all’innovazione scientifica e tecnologica legati allo spazio e al mare. A Matera viene per la prima volta è stato mostrato il video ufficiale del Padiglione realizzato da Karmachina, studio di multimedia design con sede a Milano.

Share this post