Un’ora di Internet costano ai ragazzi tre punti di felicità

Tre punti (percentuali) di felicità in un’ora. Tanto costa a un adolescente essere connesso ai social network. Con l’iPad, il computer, lo smartphone. Lo hanno calcolato quattro professori di Economia dell’università di Sheffield, nello Yorkshire, che hanno sovrapposto sci indicatori prima di emettere la sentenza.
Compiti, percezione di sé, famiglia, amici, scuola e vita nel suo complesso: sono questi i fattori considerati per capire in che modo infanzia e adolescenza 2.0 lasciano delle impronte nella crescita. Perché a dispetto dei limiti di età esistenti per avere un account sui social (Twitter, Snapchat e Google li hanno fissati a 13 anni), un sondaggio della Bbc rivela che tre quarti dei «bambini» dai 10 ai 12 anni ne ha già uno.
Il lavoro si intitola Social Media Use and Children’s Wellbeing (Uso dei social e benessere dei ragazzini) ed è sta-  to pubblicalo su Iza, l’Institule of Labor Economics.

Go to TOP