“Quando la scure si abbatterà su di voi, la morte avrà la mia faccia”. La vicenda de l’Unità, giornale del Pd, si va sempre più avvitando e le parole che l’amministratore delegato Guido Stefanelli ha rivolto giovedì ad un membro del cdr che gli chiedeva un incontro, sono l’ultimo segnale di una crisi profonda, anche umana. A pochi giorni da un’altra possibile messa in liquidazione (l’assemblea dei soci, la Piesse, partner industriale che fa capo Stefanelli e a Massimo Pessina a la Eye, espressione del Partito, è fissata al 1 febbraio), i toni si accendono ancora.
L’incontro di mercoledì tra il direttore Sergio Staino e il segretario Pd Matteo Renzi, dal quale sono state ottenute generiche prese in carico della faccenda, non ha migliorato il clima.