12182017Headline:

Scuola: dal 2018 concorsi aperti a tutti i laureati. Ecco le regole

Concorsi per la scuola, dal 2018 si cambia. Saranno banditi, con cadenza biennale, nuovi concorsi per le cattedre libere (tra i requisiti d’ammissione sparisce la conoscenza dell’inglese; si testerà forse all’orale). Potranno parteciparvi tutti i laureati purché abbiano conseguito almeno 24 crediti (Cfu) in settori formativi psicoantropo-pedagogici o nelle metodologie e tecniche  didattiche.
I nuovi concorsi prevedono due scritti (tre per i posti di sostegno) e un orale. Vinta la selezione, si accede direttamente a un percorso teorico-pratico, subito retribuito, di durata triennale (denominato «Fit», formazione iniziale e tirocinio): il primo anno,
svolto essenzialmente nelle università, è finalizzato al conseguimento del diploma di specializzazione all’insegnamento specifico
per classe di concorso o per il sostegno; il secondo e terzo anno, si farà“esperienza sul campo”direttamente in classe (l’ultimo anno si percepirà uno stipendio pieno, e se si supera la valutazione finale scatta l’immissione in ruolo a tempo indeterminato).
Sempre dal 2018, poi, partirà una fase transitoria per tutelare gli abilitati non «Gae», ma delle seconde fasce di istituto (vale a dire,i possessori di abilitazione Tfa e Pas, principalmente – in tutto 62.500 persone- età media 35 anni) e i supplenti di terza fascia (non abilitati) con almeno 36 mesi di servizio alle spalle (stimati dal Miur in circa 2omila).
Per entrambe queste categorie di docenti, arriveranno selezioni “agevolate”.

What Next?

Related Articles